“Fact checking”: come ti sbugiardo Pier Luigi in tempo reale

venerdì 18 gennaio 12:59 - di Valter Delle Donne

L’ultimo a venire sbugiardato è stato Pier Luigi Bersani, che stamattina a Radio 24 aveva annunciato tronfio: «Con Berlusconi la pressione fiscale è salita di 4 punti». Tempo mezz’ora e sulla frase del segretario Pd è arrivato il timbro di “Falso”. «Era il 41% nel 2001, 41,7 nel 2006, 42,6 nel 2008 e 41,3 nel 2012». A scanso di equivoci, la smentita arriva da quelli del Fatto quotidiano, che non possono essere definiti propriamente di simpatie berlusconiane.

Il sistema su chiama Fact checking (verifica dei fatti) ed è la nuova moda di questa campagna elettorale, importata direttamente dall’America. Come tutti i modelli d’importazione, la nostra è leggermente più imprecisa. Come da tradizione, se negli Usa ha successo Elvis Presley noi rilanciamo con Little Tony e Bobby Solo. Adesso è tutto un fact checking, per verificare se i nostri politici dicono o meno la verità.

Il problema, però, dipende dai “fact checker”: chi verifica che i fatti siano corrispondenti o meno alla verità? Al modello di “Fact checking” realizzato da un solo esperto in un determinato campo, si è diffusa sul web la verifica dei fatti collettiva. Con effetti indirettamente esilaranti. Si conferma o si smentisce tutto o il contrario di tutto. Siamo ancora lontani dai tedeschi del Der Spiegel che vanta settanta giornalisti specializzati per settore e dove articoli e foto vengono controllati con doppio passaggio. Oppure dal Time, dove oltre trenta reporter lavorano al lavoro di ricerca e di verifica finale.  Quello in Italia è un metodo ancora casareccio: i più efficienti per il momento sono a La Stampa e a Sky, che però ha optato per il modello dell’esperto singolo. Così quando Berlusconi è stato ospite di Ilaria D’Amico, il fact checking (un esperto dell’Università La Sapienza) ha dato come risultato che tre affermazioni sono state giudicate vere, 2 giudicate false, e 1 parzialmente vera.  Tra le due giudicate false, quella relativa all’aumento delle tasse: «Non ho aumentato le tasse». Eppure, oggi il Fatto quotidiano smentendo Bersani, di fatto smentisce pure l’esperto di Sky che smentisce Berlusconi. Complicato, no?

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi