Quanti sono rom e sinti in Italia: il 43% ha la cittadinanza italiana, 1 su 2 è un minore

martedì 19 giugno 9:25 - DI Redazione

I numeri sulle popolazioni rom e sinti presenti in Italia arrivano dai rapporti annuali dell’Istat e dall’associazione 21 luglio.  Ebbene il primo dato che emerge è che i dati non sono certi: la cifra che viene fuori si riferisce a una popolazione tra i 120 e i 180mila cittadini, quasi tutti con passaporto Ue. Sono 148 le baraccopoli formali (cioè i campi gestiti dalle amministrazioni comunali) e in esse vive un 43% di persone che hanno la cittadinanza italiana. Qui sono insediati circa 16.400 abitanti, distribuiti in 87 comuni di 16 regioni. Altre 9600 persone vivono negli insediamenti informali. Il 55% della popolazione delle baraccopoli è costituita da minori.

Roma ha il primato di insediamenti di gruppi nomadi con 17 campi sul suo territorio. Gli apolidi sarebbero quasi 3mila e non possono essere espulsi in base a una convenzione delle Nazioni Unite sull’apolidia cui l’Italia ha aderito.  Come si vede chiaramente l’imprecisione dei dati su queste persone sta a dimostrare che l’idea di un censimento, o almeno di un monitoraggio,  è tutt’altro che ingiustificata e che sarebbe utile anche per far decollare i progetti di integrazione e scolarizzazione dei minori che finora sono rimasti sulla carta. Il ministro Salvini ha chiarito che non si tratta di “schedature” ma evidentemente c’è chi non vuole che emergano numeri certi sulle famiglie rom e sinti. Il tema è sempre lo stesso: ci sono fondi europei erogati per l’integrazione di queste popolazione. Che fine fanno? Come vengono spesi? Meglio gridare al “razzismo”, anche in questo caso, piuttosto che fare chiarezza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 19 giugno 2018

    1.5 million, documented by other Euro countries….

  • c.arcabasso12o6@liber.it 19 giugno 2018

    Fare una scheda genealogica, per cui è cittadino se gli antenati al 1918, Unità d’Italia, erano entrambi cittadini. Per le altre cittadinanze commissioni prefettizie valutino i requisiti perchè un timbro di un funzionario, probabilmente corrotto, non garantisce una cittadinanza. Intanto abbandonare la convenzione ONU sugli apolidi ed espellerli. La scheda genealogica avendo carattere generale non è illegale.

    • ilredelmark@hotmail.com 21 giugno 2018

      Mio caro, la prego di studiare la storia prima di fare commenti che la invocano.
      Nel 1918 finisce la prima guerra mondiale, ma l’Italia era unita già da 57 anni.
      Il resto del suo commento non l’ho letto, il primo rigo è stato abbastanza.

  • ftrohxxajdk@tenypk.com 19 giugno 2018

    Salvini è dalla parte degli italiani onesti. La sinistra è dalla parte di questa feccia. Non c’è altro da dire e i sondaggi parlano chiaro. La gente non ne può più degli zingari e di chi li protegge.