Aggressione antifascista a Firenze: 15 dei collettivi pestano 3 ragazzi di Au

Brutale aggressione antifascista a Firenze dove tre ragazzi di Azione universitaria sono stati pestati dai collettivi mentre svolgevano una ordinaria attività politica nel quartiere di Novoli. A uno dei tre ragazzi è stato rotto lo sterno, con una prognosi di 20 giorni. A denunciare l’accaduto è stato il deputato di Fratelli d’Italia, Giovanni Donzelli.

«Oggi a Firenze tre ragazzi di Azione universitaria sono stati aggrediti a Novoli dai collettivi di sinistra mentre erano impegnati in un’iniziativa di protesta contro lo sciopero dei professori: uno di loro ha riportato la frattura dello sterno con prognosi di 20 giorni», ha denunciato Donzelli, sottolineando che «non è accettabile che nel 2018 dei ragazzi di 20 anni non possano svolgere iniziative senza essere aggrediti». «Quanto accaduto oggi a Novoli – ha aggiunto Donzelli – è gravissimo: il rettore di Firenze garantisca la libertà negli spazi dell’università oppure si dimetta. Appena il governo sarà insediato interrogherò il nuovo ministro dell’Università sulla vicenda e lo stato di emergenza nei nostri atenei».

«In quindici pseudo-studenti pensano così di imporre l’arroganza della sinistra, militarizzano l’università – ha sottolineato ancora Donzelli – sfruttando una storica compiacenza del potere, universitario e non, per violare sistematicamente le regole e negare spazi a chi non la pensa come loro». «Quello che è accaduto oggi è inaudito: usare la violenza contro chi svolge iniziative nell’interesse degli studenti è un sopruso da condannare senza indugi. Dalle istituzioni – ha concluso Donzelli – ci aspettiamo una reazione forte».