I migranti protestano e il sindaco li premia. La Lega: «Pericoloso precedente» (video)

domenica 4 febbraio 18:00 - di Redazione

A metà gennaio un gruppo di migranti era sceso in piazza al grido “Vogliamo la residenza”. Avevano accerchiato gli uffici pubblici e minacciato gli impiegati costringendo i carabinieri ad intervenire. Sono stati premiati. È accaduto a Esino Lario, piccolo Comune in provincia di Lecco, dove il sindaco Pietro Pensa si è arreso: «Dopo l’episodio di piazza inscenato dai nostri ospiti migranti e l’eco mediatico dello stesso sulla stampa locale e nazionale e dopo reiterati incontri del sottoscritto con i vertici della prefettura, è giunto il momento non più procrastinabile per il Comune di rilasciare le carte d’identità a chi tra loro risulta munito di regolare permesso di soggiorno», ha scritto il sindaco nella sua comunicazione ai cittadini. «Sono consapevole che ciò non sarà gradito a tutti i cittadini ma è un dovere cui ci si deve attenere. Invito tutti a considerare anche i possibili eventuali aspetti positivi come ad esempio far nascere nei nostri ospiti una consapevolezza di maggior appartenenza al territorio che li ospita e di mostrarsi magari riconoscenti prendendo iniziative di pubblica utilità sociale».

Esino Lario, la Lega: «Gravissimo precedente»

Una decisione contestata da Paolo Grimoldi, segretario della Lega lombarda. «È un precedente gravissimo quello che arriva dal piccolo comune lecchese di Esino, che ospita una quarantina di richiedenti asilo africani spacciati per finti profughi, tra i quali persino un assassino fuggito dal Gambia per scampare al carcere a vita, immigrati che da oggi, dopo la protesta che inscenarono lo scorso 12 gennaio, obbligando i dipendenti del Comune addirittura a sbarrarsi all’interno del municipio, hanno vinto e sono diventati residenti, come da loro richiesto». E poi aggiunge: «Si premia chi si ribella e spaventa i cittadini, un gravissimo precedente, causato da una Prefettura incapace di gestire la sicurezza, che ha ordinato al sindaco di accogliere le richieste dei richiedenti asilo concedendo loro le carte d’identità. Tra un mese, quando la Lega sarà al governo, verrà ristabilito il principio per cui possiamo accogliere e integrare, dando anche la residenza, solo chi ha veramente diritto di ricevere asilo, mentre dovrà essere immediatamente espulso chi non ha diritto di restare nel territorio».

Commenti

Rispondi a Sonita Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ENRICO 5 febbraio 2018

    Inconcepibile,vergognosa e scandalosa iniziativa del sindaco;allora da oggi tutti coloro che crederanno(soprattutto in torto e in malafede)di avere diritto a qualcosa sapranno come fare:protestare fino a che non saranno accontentati!
    E’la morte dello stato,della civiltà e del diritto.

  • Francesco Ciccarelli 5 febbraio 2018

    Questo Sindaco è illuso se si aspetta che gli africani ci ringrazieranno: crede davvero in quello che dice?

  • sergio 5 febbraio 2018

    Pietro Pensa,dovevi pensare( lo dice il tuo stesso nome) lecchino cacasotto lecchese.

  • Laura Bovati 5 febbraio 2018

    E non è solo! I cittadini di questo paese adesso devono rendersi conto che bisogna pensare prima di dare un voto!

  • GENTILONI 5 febbraio 2018

    ingmilillo…. COME TUTTI HANNO TEMUTO…… –SI E’ VERIFICATO QUELLO CHE ABBIAMO PREVISTO…. SENZA POSSIBILITA DI FERMARLO…………

  • alberto 5 febbraio 2018

    meno male che me ne sono andato, da un paese di cattocomunisti impazziti, di buonisti drogati da celebrolesi televisivi. Tra un pò gli Italioti dovranno lasciare le loro belle case agli extracomunitari.
    Siamo lo zimbello del mondo. Pazzi politicanti. Ma pazzi gli Italiani che li seguono. Mamma mia che disastro . Sono veramente triste per tutti VOI .

  • Francesco 5 febbraio 2018

    Sindaco illusooo…sono solo voti per i delinquenti PD!
    SPERO SOLO CHE vinca la destra!!

  • Mauro 5 febbraio 2018

    Invitereo gli altri migranti ad andare a vivere in questo comune per la gioia del sindaco, del prefetto e della cittadinanza. Sto già ridendo sotto i baffi;

  • Fausto 5 febbraio 2018

    CONSEGUENZA SARA’ LA SEMPRE MINOR STIMA DI QUESTI INDIVIDUI VERSO LE ISTITUZIONI ITALIANE LE QUALI VOGLIONO USARE IL PUGNO DI FERRO CONTRO GLI ITALIANI PER BENE E CAROTE/GUANTI DI VELLUTO VERSO GLI IMMIGRATI. ISTITUZIONI SINISTRORSE RAZZISTE CONTRO GLI ITALIANI

  • Ziobeni 5 febbraio 2018

    Bene ! Quaranta voti in più per il PD
    Vergogna ! Andrebbe rimosso subito il sindaco

  • Vier 5 febbraio 2018

    Che tristezza. Troppa gente incapace in posti chiave: andrebbero pagati per quel che valgono, cioè dovrebbero pagare la comunità invece di cuccarsi uno stipendio (e non solo). Mai pensato al perché la meritocrazia non decolla? Mezze calzette di “emme”.

  • Sonita 5 febbraio 2018

    Tra Ministri e amministratori comunali e regionali, agli occhi dei trogloditi siamo una massa di deficienti.

  • Giuseppe 5 febbraio 2018

    IL solito Pd LA solita sinistra fate Schifooooo

  • Angelo 5 febbraio 2018

    Questa classe politica ha reso le forze dell’ordine deboli e prive di autorità, lasciando i cittadini in balia dei criminali, ma il vento sta cambiando.

  • Lorenza ceccaroni 5 febbraio 2018

    Ora che se li prenda tutti, questo incapace. Chissà come saranno contenti i suoi concittadini ed elettori

  • Mokida Bolshitkov 4 febbraio 2018

    Very. Very bad mistake to give in to protesters!!!! That mayor should be replaced with a more astute and intelligent individual.

  • 4 febbraio 2018

    siamo stanchi di prefetti e sindaci cagasotto….