Cibo, l’allarme di Coldiretti sul falso “made in Italy” che arriva sulla nostra tavola

Filetti di pomodoro della Turchia, capperi del Marocco, spicchi di carciofi in olio di girasole dell’Egitto. Che cosa hanno in comune questi prodotti della terra da finire al centro di un’iniziativa promossa di Coldiretti con tanto di raccolta di firme sotto l’hastag #stopcibofalso? Tutti e tre – secondo l’organizzazione che raggruppa gli agricoltori – vengono venduti al pubblico in confezioni con un bel tricolore italiano in bella mostra.

la nuova frontiera del falso made in Italy che arriva direttamente sulla nostra…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi