Sono 5 i casi in cui il lavoratore può denunciare il capo per mobbing

Il lavoratore può denunciare il datore di lavoro, il capo, o i colleghi per mobbing se ha subito una serie ripetuta di condotte illecite che hanno leso la sua dignità. Una recente sentenza della Cassazione (n. 2142/17) – riferisce il sito d’informazione legale La legge per tutti – ha stabilito i cinque fattori principali che devono sussistere affinché si possa parlare di mobbing.

Ecco quando si verifica mobbing

1) Comportamenti ostili in serie;

2) La ripetitività delle vessazioni per un congruo periodo di tempo: è stato ritenuto congruo un periodo pari a circa sei mesi;

3) La lesione della salute e della dignità del dipendente (ad esempio il disturbo di adattamento o la depressione);

4) Un rapporto di causa-effetto tra le condotte del datore e il danno subito dalla vittima: il secondo deve cioè essere conseguenza delle prime e di nient’altro;

5) L’intento persecutorio che collega tutti i comportamenti illeciti.

La sentenza specifica che il mobbing esiste nel caso di condotte poste in essere “con dolo specifico, ovvero con la volontà di nuocere, infastidire, o svilire un compagno di lavoro, ai fini del suo allontanamento dall’impresa”. Tra i casi di mobbing vi sono il demansionamento, per cui il lavoratore viene costretto a svolgere mansioni di livello inferiore rispetto a quelle per cui è stato assunto, l’emarginazione sul lavoro, le continue critiche, la persecuzione sistematica, l’irrogazione di sanzioni disciplinari e le limitazioni alla possibilità di carriera.

Il lavoratore può agire contro l’azienda

Il lavoratore che vuole agire contro l’azienda per mobbing deve provare la volontà persecutoria e il piano vessatorio messo in atto dal datore di lavoro o dai colleghi. Dal punto di vista difensivo il dipendente può ricorrere a diverse strategie: dimettersi per giusta causa e ottenere l’assegno di disoccupazione, rifiutarsi di lavorare oppure presentare un ricorso urgente in tribunale (cosiddetto articolo 700 del codice di procedura civile) chiedendo il risarcimento del danno.