Cuperlo: Allarme! C’è un fan di Mussolini tra di noi in Campania

In nome della purezza ideologica, Gianni Cuperlo si preoccupa – con tutti i problemi che ha il Pd –   di un candidato campano, collegato a una lista (Campania in rete) che sostiene Vincenzo De Luca, candidato di centrosinistra alla presidenza della Regione Campania.

Cuperlo indignato per il candidato Aveta

Secondo Cuperlo gli iscritti del Pd sarebbero sono preoccupatissimi per questo signor Carlo Aveta che, anziché appoggiare Caldoro, si è buttato a sinistra, pur provenendo dalla destra di Francesco Storace. Aveta è politico esuberante, che lascia tracce su Fb delle sue idee non proprio in linea con la sinistra, come quando ha commentato così una foto del  Gay Pride: “I gay mi fanno schifo. Si può ancora dire in un Paese libero e democratico?”. Aveta appare oggi pentito e scrive, sempre su Fb:” La mia religione mi impedisce di disprezzare altri esseri umani, sfido chiunque a trovare una mia dichiarazione, il 17 giugno del 2014 (andate a leggere il mio post per comprendere la scorrettezza di chi ha scritto l’articolo) commentai una foto con tre uomini seminudi che camminavano per la strada e dissi che mi facevano schifo!”. Segue annuncio di querele a chi dovesse scrivere che è un omofobo.

“Va a Predappio ad onorare Mussolini, che ci fa dalle nostre parti?”

Ma a Cuperlo non è questo che dà fastidio: “Aveta – si lamenta – va regolarmente in pellegrinaggio a  Predappio e dice che fino al 1938 il fascismo ha fatto cose buone come la bonifica”. In fondo non è poi così strano, anche lo storico Renzo De Felice sosteneva una tesi analoga, facendo notare che fino all’entrata in guerra dell’Italia il fascismo godeva di grande consenso e popolarità. Anche Francesco Storace replica a Cuperlo: “Caro Cuperlo, fino al 1938 anche Pietro Ingrao diceva che Mussolini aveva fatto cose buone”