La Lega è cambiata, Salvini l’ha condotta sulla riva destra. Ecco come

È inutile parlare del movimento di Salvini negli stessi termini in cui si parlava anni fa. La Lega è cambiata, e di molto. Non ha modificato solo le facce, ma ha svoltato anche nei contenuti, come ha dimostrat0 la manifestazione a Roma, la piazza piena di gente che non era la stessa gente dell’acqua del Po. C’era di tutto a Piazza del Popolo. E ora – come rileva Ilvo Diamanti su Repubblica – adesso Roma  fa parte  della sua “identità genetica”, «quella identità  che ai tempi di Umberto Bossi si fermava alla Padania».

Salvini sempre più a destra e i sondaggi lo lanciano

I leghisti sono arrivati nella Capitale e non per contestarla, il partito non è più settentrionale ma nazionale. Il che ha un significato notevole. «Insieme a Salvini – scrive Diamanti – c’erano (e molti ritengono che nemmeno questo sia stato un caso) Fratelli d’Italia e i circoli di CasaPound». In sostanza, c’era la destra. Diversificata ma pur sempre destra. In più, alle elezioni europee la Lega ha conquistato più del 6%. E i sondaggi, attualmente,  la collocano oltre il 12-13%. a un passo da Forza Italia.«Vince la Lega che ha spostato il suo baricentro al Centro-Sud». I numeri lo dicono chiaro: secondo i sondaggi più recenti di Demos Salvini supera il 20% nelle regioni del Nord, si avvicina al 10% nel Centro-Italia (tradizionalemte feudo della sinistra) e pare aver sfondato nel Centro-Sud (avrebbe il 13% intorno a Roma e nel Lazio e oltre il 6% perfino nelle Isole).

La mappa della Lega

L’analisi porta a una mappa particolare nel mondo che circonda Salvini: c’è la Lega Padana, che riproduce le radici storiche del partito e mantiene  la sua base elettorale  a Nord, dove ha  una struttura organizzativa e un elettoratofedele, oltre  a una presenza estesa nei governi e nelle amministrazioni; la compagine lepenista, alleata di Casapound, antipolitica e impiantata sull’antieuropeismo. Intesa anche con il gruppo dei militanti di Riva Destra. Sull’intero territorio nazionale questi ultimi coinvolgerebbero circa il 25% degli elettori in genere, ma oltre il 50% di quelli della Lega. Infine c’è la Lega che Ilvo Diamanti su Repubblica chiama “personalizzata”. “Noi con Salvini”, per intenderci. Questi ultimi in grado di integrare e comporre  le altre Leghe e i loro linguaggi  riconducendoli alla figura del capo, in grado di comunicare  con linguaggi diversi a pubblici diversi. Una Lega che si sposta sempre più a destra. E lo dice chiaramente.