Google, primato a rischio: Apple verso un altro motore di ricerca?

Google potrebbe perdere miliardi di dollari se l’accordo con Apple che rende il suo motore di ricerca predefinito su iPhone e iPad, e che sta per scadere, non venisse rinnovato. A fare i conti gli analisti di Ubs, secondo cui nel 2015 l’accordo frutterebbe a Google ricavi lordi per 7,8 miliardi di dollari, pari al 10% delle entrate. Una cifra che potrebbe dimezzarsi se la casa di Cupertino si rivolgesse a concorrenti di Google come Yahoo! o Microsoft. Per Google si tratterebbe del secondo colpo incassato in pochi mesi nel mercato delle ricerche online e delle inserzioni pubblicitarie ad esse legate. A novembre, infatti, Mozilla ha chiuso la porta a Big G scegliendo Yahoo! come motore di ricerca predefinito sul suo browser Firefox in Usa.

Ricerche da Pc: Yahoo guadagna terreno

La mossa ha portato la quota di Google nelle ricerche da pc a scendere sotto il 75%, e al contempo ha fatto guadagnare terreno a Yahoo. In caso di mancato rinnovo dell’intesa Apple-Google, gli analisti della società di servizi finanziari ipotizzano che metà degli utenti di iPhone e iPad farebbero ricerche su altri motori. In questo scenario, i ricavi lordi di Mountain View legati alle ricerche sui dispositivi Apple si dimezzerebbero a 3,9 miliardi nel 2015, pari al 5% del totale. Tuttavia i ricavi netti complessivi scenderebbero solo del 3%, poiché Google non dovrebbe più pagare Apple per essere il motore di default. «Riteniamo che l’impatto (sui conti di Google) sarebbe più contenuto di quanto temuto da molti investitori», scrive Ubs in una nota intercettata dal sito AppleInsider.