Orrore in Libia: 40 teste mozzate trovate in un campo d’addestramento

A Bengasi quaranta teste mozzate sono state rinvenute in un campo d’addestramento che l’esercito regolare ha appena strappato alle milizie islamiche. L’ospedale di Bengasi ha ricevuto «40 teste umane senza corpi», hanno riferito fonti mediche evitando di fare ipotesi sul rinvenimento fatto dalle forze speciali dell’esercito libico pattugliando una zona della città.

Le teste mozzate e le forze speciali

Citando un sito libico, l’agenzia egiziana Mena precisa che secondo una fonte dell’Ufficio stampa del centro medico di Bengasi le teste sono state rinvenute dalle forze speciali «in un loro campo di addestramento nella zona di Bou Atny» riconquistato il giorno prima strappandolo alla “Shura”, la coalizione delle milizie islamiche attive nella seconda maggiore città libica. Anche se l’agenzia non lo precisa, si può presumere che «il campo d’addestramento» sia qualcosa di diverso dalla strategica «base» delle forze speciali di cui un giornale arabo ha appena annunciato la riconquista. Come noto Bengasi è stata a lungo in parte contesa da forze regolari e milizie islamiche anche jihadiste legate all’Isis le quali, dopo aver perso il porto e alcune roccaforti, secondo recenti informazioni dell’esercito si sono concentrate in sacche di resistenza.