Roma, chiamava le studentesse alla lavagna e le molestava: professore condannato a 2 anni

9 Lug 2024 16:56 - di Luca Maurelli

E’ stato condannato a due anni il professore di un istituto superiore del quadrante sud della Capitale, finito a processo con le accuse di violenza sessuale e atti osceni nei confronti di tre studentesse. Secondo l’accusa contestata dalla Procura di Roma, che aveva sollecitato una condanna a sei anni e nove mesi, il professore, docente di supporto, nel febbraio 2019 ”avrebbe cinto i fianchi” di una studentessa all’epoca minorenne, mentre era intenta a realizzare un disegno alla lavagna, spingendo il proprio corpo contro quello della ragazza, ‘’tenendole la mano con la scusa di aiutarla a fare il disegno’’.

Inoltre nello stesso mese durante una supplenza avrebbe chiamato un’altra studentessa, anche lei minorenne, vicino alla cattedra accarezzandole la schiena facendo ‘’interrompendo la condotta solo quando l’alunna – secondo l’atto d’accusa – veniva richiamata al posto con una scusa dai compagni di classe’’. Al professore inoltre viene contestato anche di aver compiuto atti osceni davanti a un’alunna. Le motivazioni della sentenza di condanna emessa questa mattina dai giudici della quinta sezione penale di Roma nei confronti dell’uomo, difeso dall’avvocato Chiara Porta Crozon, arriveranno tra 90 giorni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *