Serial killer, da Donato Bilancia all’assassino di Prati: chi sono e come agiscono quelli “attivi” in Italia

25 Nov 2022 14:12 - di Redazione
serial killer

Killer, serial killer, professionisti dell’omicidio brutale e assassini in preda al raptus: tutti accomunati da una fattispecie violenta, ma diversi tra di loro per modus operandi e scelta delle vittime. E comunque tanti, tra loro, quelli pronti a uccidere. «In Italia ci sono ancora diversi assassini seriali in attività. Pensiamo al killer di Asti, che ha ucciso quattro prostitute. Oppure al mostro della strada statale 10, in Piemonte, che ne ha uccise due. E ancora, l’assassino delle nigeriane, che uccide solo prostitute africane. Come il killer dei pensionati» che infierisce sugli anziani, e che «ha già mietuto cinque vittime nel centro Italia. C’è poi il mostro di Udine, a cui inquirenti e indagini attribuiscono sedici omicidi, tra il 1971 e il 1991». Una lista che riassume e illustra l’avvocato criminalista e scrittore noir Gianluca Arrighi durante una conversazione con l’Adnkronos.

Fenomenologia dei serial killer: Arrighi illustra e spiega quelli ancora attivi in Italia

L’esperto, parlando del triplice femminicidio avvenuto nel quartiere Prati, a Roma. Delitti di cui è accusato Giandavide De Pau, in carcere dopo che si è visto convalidare l’arresto, traccia dunque anche il profilo criminale del 51enne appena arrestato. E allora: potrebbe richiamare alla memoria, in qualche modo, il famoso serial killer delle prostitute Donato Bilancia? «Lui – replica Arrighi – è stato il più feroce assassino seriale italiano. Condannato a numerosi ergastoli per aver ucciso diciassette persone in appena sei mesi. Nonostante sia tristemente ricordato come il killer che odiava le donne, ben nove dei diciassette omicidi furono commessi nei confronti di uomini. Ritengo che il caso di De Pau – prosegue quindi l’avvocato scrittore – senza entrare nel merito delle indagini ancora in corso, sia molto diverso. Siamo di fronte a un individuo che sembrerebbe aver agito in preda a un raptus di cieca violenza, un uomo con precedenti psichiatrici e in cura al Sert per dipendenza da cocaina».

Modus operandi, serialità nella scelta delle vittime e psiche

Guardando alla sfera psicologica, allora, «nella maggior parte dei casi, i serial killer di prostitute – sottolinea Arrighi – sono uomini affetti da gravi disturbi della sfera sessuale che derivano da un background familiare problematico. Caratterizzato da violenza e carenze affettive. Sono quasi sempre individui ossessionati dal controllo totale sugli oggetti del loro desiderio. Controllo che non riescono ad avere nel mondo reale, dove sono spaventati dal potere della donna». Mentre «se parliamo del modus operandi – prosegue lo scrittore che nei suoi romanzi ha spesso affrontato le tematiche dei serial killer e la psicologia criminale – a volte è lo stesso, altre no. Donato Bilancia, ad esempio, uccideva le sue vittime con un colpo in testa, esploso da una Smith & Wesson calibro 38. Altri assassini, invece, prediligono le armi da taglio. È capitato che alcuni assassini seriali fossero collegati alla criminalità organizzata. Ma non c’è un nesso specifico tra l’appartenenza a un’organizzazione criminale e la serialità degli omicidi. Serialità che, invece, va ricercata nel profondo della psiche turbata di questi individui».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA