Il missile sulla Polonia non era russo: licenziato il giornalista che aveva fatto lo scoop fake

22 Nov 2022 17:51 - di Alessandra Parisi

Troppa fretta. È stato il primo giornalista ad attribuire alla Russia la caduta del missile al confine tra Polonia e Ucraina nella notte del 15 novembre scorso. E oggi è stato licenziato per aver fornito informazioni “inaccurate”.  “Un missile russo è caduto nel territorio di un Paese membro della Nato”, ha scritto il reporter di Associated Press, James LaPorta. Citando una fonte anonima dell’intelligence Usa. Adesso, secondo quanto riporta il Washington Post, l’autorevole agenzia di stampa statunitense dopo un breve indagine ha licenziato il giornalista. Specializzato in sicurezza nazionale.  Questo perché secondo le linee guida dell’AP bisogna citare “più di una fonte quando la fonte è anonima”. A maggior ragione quando si tratta di un’informazione così delicata. E con conseguenze così potenzialmente devastanti.

Licenziato il giornalista che dette la notizia che il missile era russo

Con il passare delle ore, infatti, è emerso un quadro ben diverso. La smentita di Mosca e il tracciato Usa della traiettoria del missile hanno appurato che a cadere sul territorio polacco è stato un missile della contraerea ucraina. A questo punto, l’Associated Presse  ha mandato in rete una correzione. In cui ammetteva che la fonte citata si era sbagliata. E che le indagini successive “mostravano che il missile era di fabbricazione russa. E molto probabilmente sparato dall’Ucraina per difendersi da attacco russo”. Ma la prima agenzia, a poche ore dopo la caduta della bomba, è stata ripresa da giornali e siti di tutto il mondo. Con titoli che dichiaravano che “missili russi” avevano colpito uno Stato della Nato. Con le inevitabili preoccupazioni planetarie sulla possibilità che la Nato invocasse il patto di mutua difesa stabilito dall’articolo 5. E che il conflitto in Ucraina si estendesse al resto d’Europa. Il tutto mentre i grandi del mondo si trovavano al vertice del G20 a Bali. Dopo ore di tam tam sono cominciate ad affiorare ricostruzioni differenti improntate alla massima prudenza. E lo stesso Biden ha detto dopo poco che era “improbabile” che il missile fosse russo.

La notte dell’esplosione un falso Macron telefonò al presidente polacco

Sulla notte della caduta del missile in Polonia c’è un’altra notizia riportata oggi. In quelle ore il presidente polacco Andrzej Duda ha ricevuto una telefonata da parte di un falso Emmanuel Macron. Lo riferisce oggi la presidenza polacca, spiegando in un tweet che Duda, sospettando una frode, ha chiuso la conversazione di fronte al “modo insolito” con il quale parlava l’interlocutore. Lo “scherzo”, se così si può dire per una telefonata avvenuta una notte in cui si è rischiato l’allargamento del conflitto ucraino, era opera degli attori russi Vovan e Lexus. Che hanno postato la registrazione della telefonata su Youtube. Si sente Duda dire al falso presidente francese di voler essere “extra prudente” e non volere “una guerra con la Russia”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA