Nordio traccia il solco: separazione delle carriere e velocizzazione dei processi

22 Ott 2022 13:31 - di Paolo Lami

Separazione delle carriere, prosecuzione della riforma Cartabia in chiare garantista, velocizzazione dei processiimplementazione degli organici: a pochi minuti dal giuramento come ministro della Giustizia, uscendo dal Quirinale, Carlo Nordio, ex-procuratore a Venezia, già spiega quali saranno le direttrici su cui si muoverà la sua azione riformatrice a via Arenula.

“La separazione delle carriere è nel nostro programma – ricorda Nordio. – Ne sono convinto perché è consustanziale al processo accusatorio, ma in questo momento è più importante concentrarsi sugli aspetti pratici, che è quello dell’implementazione degli organici e della velocizzazione dei processi, rendere la giustizia più efficiente perché i ritardi ci costano due punti di Pil”.

“La riforma della ministra Cartabia, con la quale a breve avrò un incontro – annuncia Nordio – andava nella direzione giusta. Aveva dei limiti, costituiti da una maggioranza politica, che non ne consentiva la piena attuazione, composita e per certi aspetti giustizialista, meno garantista”.

“Oggi abbiamo idee diverse perché la velocizzazione della giustizia transita attraverso una forte depenalizzazione, una riduzione dei reati – ritiene il neo-ministro della Giustizia – Bisogna eliminare pregiudizio che la sicurezza sia tutelata dalle leggi penali, questo non è vero lo abbiamo sperimentato sul campo”.

“Tra i primi provvedimenti c’è la piena attuazione del codice Vassalli, medaglia d’argento della Resistenza e in prospettiva la revisione del codice penale firmato da Mussolini di cui nessuno ne parla”, ha detto il neo guardasigilli Carlo Nordio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA