Mentana e Merlino difendono la Meloni e umiliano la ministra francese: “Ma chi è questo gigante…”

7 Ott 2022 15:44 - di Gabriele Alberti
Mentana Meloni

“Laurence Boone? Ma chi è questo gigante della politica…?” . A volte bastano poche parole acuminate per manifestare il proprio “vaffa”. Enrico Mentana e  la collega di La7 Myrta Merlino hanno preso a schiaffi la ministra per gli affari europei del governo francese che intende “vigilare” sulla nostra politica. Giorgia Meloni è intervenuta con un messaggio vibrante dai propri profili social, chiedendo la smentita di Parigi. “Sperando” – scrive la leader di FdI- che la repubblica abbia frainteso le parole della ministra rilasciate al quotidiano diretto da Molinari. Hanno scatenato polemiche e reazioni non solo a destra le dichiarazioni di Laurence Boone: “Lavoreremo con Roma, ma vigileremo sul rispetto dei diritti e delle libertà”. Un messaggio orribile nei confronti di Giorgia Meloni e del governo che verrà. Che continua a subire attacchi ingiustificati dall’estero, tra l’altro prima ancora della formazione del suo esecutivo. Tutto ciò è inaccettabile.

Mentana e Myrta Merlino difende la Meloni e mandano a quel paese la ministra francese

A breve giro di posta dall’intervento di Giorgia Meloni a ergersi a suoi  “paladini”  sono stati tra gli altri, anche Enrico Mentana e Myrta Merlino. “Laurence Boone promette la difesa dei diritti… anche da noi – ha twittato a denrti stretti la conduttrice de L’aria che tira – la ringraziamo per l’attenzione ma ci sentiamo di rassicurarla: sappiamo occuparci della nostra libertà. Abbiamo fatto leggi, conquiste e resistenze, sulla nostra pelle. Le donne italiane hanno bisogno di sorelle, non di tutrici. Giù dalla cattedra, anche se si sta a Parigi”. Basta ditino alzato, basta con le tutele. Un non tanto cordiale invito ad occuoparsi di altro. Il governo che verrà sarà di alto profilo, ha un mandato popolare e non ha bisogno di “badanti”.

Ira Mentana: “Pochi sanno chi sia anche in Patria questo gigante della democrazia…”

Nel bel mezzo di una sollevazione sui social contro Laurence Boone, si leva la voce di Enrico Mentana, che risponde a muso duro alle ingerenze di Emmanuel Macron e compagni transalpini. E’ duro e irrisorio al tempo stesso il direttore di La7. Scrive su Fb “umiliando” la francese: “Ora, premesso che pochi sapevano, anche in patria, dell’esistenza di questa gigante della difesa democratica, viene da chiedersi chi abbia mai conferito al governo francese il ruolo di vigilante dei diritti e delle libertà italiani. È quel terribile complesso di ingiustificata superiorità che a volte coglie i nostre amati vicini francesi. Vicini appunto, non tutori. Sia noi sia voi abbiamo dimostrato di saper sbagliare e far bene da soli. È la libertà”. Sipario.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA