M5S, il retroscena: «Possibilità di alleanze con il Pd ridotte al lumicino, Conte non si fida più»

4 Ott 2022 13:11 - di Fulvio Carro
m5s pd

«Ridotte al lumicino, per usare un eufemismo». Così autorevoli fonti M5S all’Adnkronos, su possibili alleanze con il Pd in vista delle regionali. L’idea che prevale nel quartier generale di via di Campo Marzio è quella di elaborare una strategia unitaria. E farlo, pur tenendo conto delle diverse realtà che si presenteranno rispetto a Lazio, Lombardia, Molise e Friuli Venezia Giulia, le prossime regioni attese alla prova del voto. Ma gli occhi sono puntati soprattutto sul Lazio, “orfano” di Nicola Zingaretti, fresco di un seggio alla Camera. L’intesa tra dem e pentastellati alla Pisana regge agli ultimi mesi di governo. Ma ci sono nuvole fosche in arrivo.

M5S e Pd. musi lunghi e sguardi sospetti

A sentire gli uomini più vicini a Conte, l’alleanza tra M5S e Pd non si farà. «È venuta meno la fiducia, Giuseppe non si fida più…». Ma dietro il niet, stando ad alcuni ragionamenti interni, potrebbe esserci anche il risultato elettorale messo a segno alle politiche. Infatti il M5S ha “cannibalizzato” parte dell’elettorato Pd. Uno schema da ripetere, tanto più nel Lazio: «Come si può pensare di stringere un’alleanza mentre Gualtieri a Roma costruisce l’inceneritore della discordia?». Il riferimento è alla la mina che ha fatto saltare il governo di unità nazionale capitanato da Mario Draghi. Anche per questo, la suggestione di una nuova traversata “in solitaria” sembra prevalere.

Le questioni che sono in ballo

Sul fronte regionali, poi, rischia di riaprirsi – in parte lo è già- la questione del tetto dei due mandati. C’è chi confida in un “ammorbidimento” della linea Grillo, su elezioni dove il radicamento sul territorio è decisivo. È questya la speranza dei consiglieri di vecchio corso, una trentina circa quelli interessati dalla regola aurea del Movimento . Ma sia Grillo, che lo stesso Conte, sarebbero per tenere la barra dritta ed evitare deroghe, mantenendo l’impegno preso con gli elettori come già avvenuto con le elezioni regionali siciliane. Tanto più che, dopo il risultato messo a segno il 25 settembre, le analisi sui risultati elettorali collegano un ritorno di entusiasmo degli elettori anche al fatto che è stata mantenuta la regola de doppio mandato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA