Inquinamento, codice rosso per Torino, Milano e Padova. Dimenticate le misure anti-traffico

17 Ott 2022 12:31 - di Redazione

In Italia l’emergenza smog è sempre più cronica. Nei primi dieci mesi del 2022 suona già il primo campanello d’allarme per inquinamento atmosferico. E tra livelli degli inquinanti off-limits, traffico congestionato e misure antismog insufficienti la situazione rischia di peggiorare con l’avvio della stagione autunnale-invernale. È quanto emerge dal dossier ‘Mal’aria 2022 edizione autunnale‘ di Legambiente che fa il punto, da inizio anno ai primi di ottobre 2022, sulla qualità dell’aria di 13 città italiane.

Per quanto riguarda il Pm10, la soglia di 35 giorni da non superare con una media giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo, è stata ampiamente superata con almeno una delle centraline, in 3 delle 13 città analizzate. Codice rosso per Torino, Milano e Padova che si trovano fuori dai limiti di legge, rispettivamente con 69, 54 e 47 giornate di sforamento. Codice giallo per Parma (25), Bergamo (23), Roma (23) e Bologna (17) che hanno già consumato la metà dei giorni di sforamento. A seguire, Palermo e Prato (15), Catania e Perugia (11) e Firenze (10) che sono già in doppia cifra.

Nessuna delle 13 città monitorate nell’ambito della campagna Clean Cities, rispetta i valori suggeriti dall’Organizzazione mondiale della sanità per il Pm10 (15 microgrammi/metro cubo), per il Pm2.5 (5 microgrammi/metro cubo) e l’NO2 (10 microgrammi/metro cubo).

Il Pm10 ha una media annuale, eccedente il valore Oms, che oscilla dal +36% di Perugia, passando per città come Bari (+53%) e Catania (+75%), fino ad arrivare al +121% di Torino e +122% di Milano. Situazione ancora più critica per quanto riguarda il Pm2.5, dove lo scostamento dai valori Oms oscilla tra il +123% di Roma al +300% di Milano. Male anche per l’NO2: l’eccedenza dei valori medi registrati rispetto al limite dell’Oms varia tra il +97% di Parma fino al +257% di Milano.

Da non trascurare l’impatto sulla salute: l’inquinamento atmosferico miete più vittime in Italia che nel resto del continente europeo. Secondo le ultime stime dell’Eea (Agenzia europea ambiente), il 17% dei morti per inquinamento in Europa è infatti italiano (uno su 6).

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA