Il filantropo Bill Gates mette in mezzo a una strada 1000 dipendenti Microsoft: “aggiustamenti strutturali”

19 Ott 2022 11:51 - di Paolo Lami
Bill Gates

Lì chiama “aggiustamenti strutturali” ma dietro questo lessico impersonale e generico figlio di una cultura d’impresa anglosassone in cui il profitto governa sull’etica ci sono le vite di mille famiglie e, in particolare, di 1.000 persone, dipendenti che la Microsoft, il colosso It guidato dal filantropo Bill Gates, ha lasciato in mezzo alla strada, licenziandole su due piedi, costrette a sgomberare in fretta e furia  uffici e stanze infilando tutto frettolosamente negli scatoloni da portare via.

Al momento Microsoft non ha confermato se i licenziamenti siano isolati nelle Divisioni di gioco fatto sta che i dipendenti che lavorano per Xbox e altri studi di proprietà di Microsoft hanno dichiarato di essere stati licenziate, come riporta il Washington Post.

Microsoft ha, tuttavia, rifiutato di rivelare se i dipendenti con sede nell’area di Seattle siano stati colpiti dai licenziamenti, anche se un dipendente di Microsoft che ha twittato di essere stato licenziato ha detto di lavorare nel Campus di Redmond.

In una dichiarazione, un portavoce dell’azienda ha affermato che Microsoft effettua aggiustamenti strutturali in base alle necessità.

“Come tutte le aziende, valutiamo regolarmente i nostri professionisti”, ha dichiarato il portavoce. “Continueremo a investire nel nostro business e ad assumere nelle aree chiave di crescita nel prossimo anno”.

Questa è la seconda tornata di licenziamenti che Microsoft, con sede a Redmond, effettua quest’anno. Il primo è avvenuto prima della relazione annuale sugli utili, a luglio, quando l’azienda ha tagliato posti di lavoro citando adeguamenti strutturali.

Da maggio, inoltre, Microsoft ha rallentato le assunzioni a causa dell’indebolimento. I licenziamenti di luglio hanno riguardato diversi gruppi, tra cui consulenza e soluzioni per clienti e partner. L’azienda si è unita ai giganti tecnologici Meta e Google nel rallentare le assunzioni.

La forza lavoro dell’azienda è comunque cresciuta nel complesso. Al 30 giugno Microsoft aveva 221.000 dipendenti, rispetto ai 181.000 dell’anno scorso.

Microsoft è in procinto di acquisire il produttore di videogiochi Activision Blizzard per 69 miliardi di dollari, in attesa dell’approvazione delle autorità britanniche.

Microsoft è anche il produttore di Xbox e possiede altri studi come Bethesda, una filiale di ZeniMax Media. L’anno scorso ha acquisito ZeniMax per 7,5 miliardi di dollari in contanti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA