Fabio Concato fuori dal coro della sinistra: “Spero che la Meloni lavori bene. Non toccherà i diritti” (video)

22 Ott 2022 18:00 - di Valter Delle Donne
Fabio Concato instagram

No, non sarà una “Domenica bestiale” per Fabio Concato, quella che vedrà il primo consiglio dei ministri del governo Meloni. Il cantautore milanese, 70 anni a maggio, un passato da militante nell’estrema sinistra, spegne gli ardori dei compagni terrorizzati dall’arrivo della destra a Palazzo Chigi.

Quando cantava “A Dean Martin”

“Questo governo – dice all’Adnkronos – pur con una composizione un poco tradizionalista in taluni settori, non credo che voglia intervenire rimettendo in discussione taluni diritti conquistati dalle donne e dalla comunità lgbt. Spero di no e mi auguro che Giorgia Meloni lavori bene da capo del governo, perché il Paese ha bisogno di un buon governo”, commenta Concato. L’autore Fiore di maggio e Guido Piano al tema Lgbt dedicò 40 anni fa una divertentissima canzone che, oggi, sarebbe definita omofoba.

Nel brano “A Dean Martin”, un seduttore americano si trovava a letto per sbaglio con una trans: una sorpresa sgradita per il protagonista. Altri tempi. Chissà se canterà anche quel brano a Sanremo stanotte, dove riceverà il prestigiosissimo Premio Tenco.

Fabio Concato sulla Meloni: “È una donna molto intelligente, non toccherà i diritti acquisiti”

“Certo – prosegue Concato – quando penso a taluni diritti acquisiti negli ultimi anni, non nego che ci possano essere alcune preoccupazioni che questi possano in qualche modo essere ‘manomessi’… Ma se pensassero di fare una cosa del genere, sarebbe davvero grave perché riporterebbero l’Italia indietro a livello culturale. Ma io trovo che la Meloni sia una donna molto intelligente: non posso pensare che abbia mire di quel tipo e, ove mai le avesse, sono sicuro che starà molto attenta e ci penserà su molto prima di esporsi e intervenire”.

Anche perché, osserva ancora Fabio Concato, “al di là della infelice battuta arrivata dalla Francia, quel ‘vi teniamo d’occhio’, è chiaro che è perfettamente così da parte non solo dei nostri vicini francesi ma di tutta l’Europa; così come, del resto, anche noi italiani ‘teniamo d’occhio’ tutti gli altri… Certi diritti sono acquisiti ma non lo sono per sempre, una volta per tutte: vanno difesi e anzi andrebbero anche allargati un pochino di più”.

La militanza a sinistra di Fabio Concato

«Ho lavorato per alcuni anni, dal ’67 al ’72 con il Movimento studentesco – ha detto al Corriere della Sera – Ma non amavo le barricate. Lavoravo di ciclostile, non mi perdevo assemblee e manifestazioni. E ho dedicato molto tempo alle letture politiche. La mia mamma era comunista, militava nell’Udi (Unione donne italiane) e mi ha trasmesso la passione per la politica. In quel periodo ho imparato molto sul mondo del lavoro. E mi è rimasta l’attenzione al sociale. Come dimostra la canzone del 1988 dedicata al Telefono azzurro 051/222525 (era il numero di telefono per i bambini maltrattati ndr). Finì in classifica e i proventi andarono alla meritoria associazione»

Il Premio Tenco a Fabio Concato: “Siamo passati da Lucio Dalla ai rapper”

“Per un cantautore, il ‘Premio Tenco’ è il premio per antonomasia, lo è sempre stato: sembrava che non potesse durare tantissimo e invece continua a esserci e continua a lavorare, a premiare e anche a scoprire nuovi talenti. Essere qui è prendere un ‘Tenco’ è qualcosa che mi inorgoglisce molto, confesso questo peccato d’orgoglio”.  “In questo momento, penso a quelli che io considero i due ‘numeri uno’ della canzone d’autore italiana, ovvero Lucio Dalla e Pino Daniele – sottolinea Concato – Ma le cose cambiano, ci sono nuove tecnologie e il mercato discografico ne tiene conto e sta cambiando facendo largo ai rapper: anche il rap va inserito nel cantautorato, perché no? Ci sono rapper che scrivono cose potentissime a livello dei testi, magari la musica è ancora un pochino carente… ma diamogli ancora qualche anno di tempo”.

Le canzoni più belle di Concato

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA