Interrogata in carcere la madre della bimba abbandonata per 7 giorni e morta di stenti

22 Lug 2022 17:55 - di Paolo Lami
Roma

E’ durato circa due ore l’interrogatorio di convalida del fermo di A.P., accusata di aver abbandonato e lasciato morire di stenti la figlioletta Diana, una bimba di 16 mesi, nel loro appartamento di Milano per andarsene in giro con il suo compagno.

A quanto si è appreso non era la prima volta che la donna si comportava così con la bimba lasciata altre volte sola ma, in questo caso, la bimba è stata lasciata sola per 7 giorni.

L’interrogatorio si è tenuto nel carcere di San Vittore di Milano, alla presenza del gip Fabrizio Filice e dell’avvocato della donna, Raffaella Brambilla e, al termine dell’interrogatorio, il legale non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

La trentasettenne è stata fermata con l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato dai futili motivi e premeditazione. E rischia l’ergastolo.

La figlia, Diana, secondo quanto ricostruito dal pm Francesco De Tommasi, è stata lasciata sola dalla madre all’interno della loro abitazione in via Parea, nella periferia est di Milano, nella culla per sette giorni consecutivi, senza assistenza, senza generi alimentari sufficienti e in condizioni di pericolo. Tanto da morire per stenti e per mancanza di accudimento.

Dinanzi al pm, nel primo interrogatorio dopo il l’arresto, la donna non ha mostrato segni di pentimento. “Non ha mai pianto” e si è mostrata “fredda”, consapevole delle conseguenze del suo abbandono. Ha parlato della figlia quasi come un peso, qualcosa di cui liberarsi, ma poi si è chiusa anche in silenzi pieni della paura di ammettere una “volontà intermittente” di non voler essere più madre.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA