Erdogan avverte Ue e Nato: potremmo sospendere il processo di adesione di Svezia e Finlandia

18 Lug 2022 19:02 - di Roberto Frulli

Recep Tayyip Erdogan manda un avvertimento e ricorda che la Turchia ha approvato in via condizionale le richieste di adesione di Svezia e Finlandia alla Nato. E che potrebbe sospendere il processo se i due paesi non adotteranno le misure necessarie contro i gruppi terroristici.

L’altolà del presidente turco arriva, evidentemente perché, dopo le promesse, Erdogan si aspettava i fatti. Che, forse, non sono arrivati.

Citato dal Daily Sabah, Erdogan avverte nel corso di una conferenza stampa tenuta nel complesso presidenziale ad Ankara: “vediamo che soprattutto la Svezia non ha mantenuto le sue promesse“.

La Turchia – ha osservato il presidente – ha ribadito apertamente e frequentemente le sue preoccupazioni sull’espansione della Nato, in merito alla quale Ankara ha un atteggiamento preciso.

“Come Turchia, la nostra posizione è chiara. Il resto dipende da loro”, ha sottolineato Erdogan.

Al vertice della Nato a Madrid di fine giugno, Erdogan aveva dato il via libera all’ingresso di Svezia e Finlandia nell’Alleanza sulla base di una serie di condizioni, in particolare per quanto riguarda l’impegno nella lotta contro i gruppi terroristici curdi.

E aveva detto di aspettarsi che Svezia e Finlandia dessero corso alle richieste di estradizione di una ventina di curdi ritenuti da Ankara terroristi.

Fino ad ora le richieste di estradizione sono cadute nel vuoto. I due paesi non hanno mai neanche risposto alle richieste di Ankara di consegnare alla Turchia quelli che Erdogan ritiene essere  terroristi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA