Lazio, il Pd non esulta. A Frosinone vince il centrodestra. A Viterbo schiaffo alla candidata dem

27 Giu 2022 9:37 - di Francesco Severini
Lazio

Nel Lazio per la sinistra non c’è troppo da esultare, anzi quasi per niente. Frosinone resta in mano al centrodestra e a Viterbo si impone una candidata civica vicina al centrodestra. Così anche a Sabaudia e Ardea.

Frosinone. Qui è eletto  Riccardo Mastrangeli con il 55,32% pari al 10.794 voti. Lo sfidante Domenico Marzi, candidato del centrosinistra e del M5s, ha ottenuto il 44,68% pari a 8.719 voti. Al primo turno Mastrangeli aveva incassato il 49,26% mentre Marzi aveva ottenuto il 39,13%. «È stato un ballottaggio difficilissimo – ha detto Mastrangeli – combattuto su una tensione altissima, ha vinto la Frosinone che vuole andare avanti e ha voglia di continuità. La vittoria è dedicata a mia figlia Anastasia ed è stata il frutto della straordinaria unità del centrodestra. Inizieremo subito – ha detto tra l’entusiasmo dei presenti – con la manutenzione della città e lavoreremo tutta l’estate per arrivare puntuali a ottobre con la seconda tranche dei fondi del Pnrr. Un ringraziamento particolare va a Nicola Ottaviani (sindaco uscente, ndr) che in questi anni mi ha insegnato tanto non solo dal punto di vista amministrativo ma anche umano». Il sindaco uscente, commosso, ha dichiarato: «È la vittoria di popolo che premia una classe dirigente che ha lavorato per far crescere la città».

Viterbo. Chiara Frontini, 33 anni, candidata civica con radici nel centrodestra sulla quale FdI aveva fatto confluire i suoi voti al ballottaggio,  è la nuova sindaca di Viterbo con il 64,64% dei consensi. Chiara Frontini  si è imposta su Alessandra Troncarelli, 35 anni, candidata del centrosinistra che si è fermata al 35%, quasi doppiata dalla rivale. Il municipio viterbese era retto da un commissario prefettizio dello scorso dicembre, dopo la caduta della giunta di centrodestra guidata da Giovanni Arena.

“A Viterbo ha vinto una candidata non civica, ipercivica… Chiara ha vinto contro la cecità dei partiti che non vedono più il candidato giusto”, ha commentato Vittorio Sgarbi la cui lista  ‘Rinascimento’ sosteneva Chiara Frontini. Una vittoria che, secondo l’ex parlamentare azzurro, rende meno amara la sconfitta del centrodestra in ben sei capoluoghi, a cominciare da Verona.

”Viterbo, insieme a Lucca -assicura all’Adnkronos Sgarbi- sono vittorie importantissime. Viterbo, in particolare, rappresenta un modello alternativo rispetto alla cecità dei partiti. Sono molto contento perché è stata scelta la candidata giusta, una candidata civica, che come copertura politica aveva solo me… Qui, poi, non avevo bisogno di polemizzare con nessuno”, dice divertito il leader di ‘Rinascimento’, invitando i partiti del centrodestra la prossima volta a scegliere persone capaci e competenti, semplicemente i ”candidati giusti”. Sgarbi esulta anche per Lucca dove pure correva la sua lista: ”Qui si è consumato un altro grande risultato”.

Ardea. Il centrodestra torna alla guida di Ardea dopo una parentesi di cinque anni del M5S. Fabrizio Cremonini è il nuovo sindaco, sostenuto da Fratelli d’Italia, Lega, Cambiamo con Toti e Rinascimento-Sgarbi. Sconfitta la coalizione guidata da Lucio Zito che vedeva insieme ai pentastellati anche il Pd, la Democrazia cristiana e la lista Azzurri.

Cerveteri. Qui Elena Gubetti è il nuovo sindaco. La candidata del centrosinistra ha ottenuto 6.677 voti, pari al 52,95%. Lo sfidante del centrodestra, Giovanni Moscherini, si è fermato al 47,05%.

Sabaudia. Il nuovo sindaco è l’ex generale Alberto Mosca, alla sua prima esperienza politica, sostenuto da Forza Italia, Udc, Azione, Scegli Sabaudia e Città Nuova. «Siamo molto soddisfatti – commenta il nuovo sindaco – di questo risultato, frutto di un duro lavoro iniziato due anni e mezzo fa. Il merito è di una squadra compatta, formata da persone competenti, in un certo senso anche trasversale vista la presenza di partiti e liste civiche».

Guidonia Montecelio. Vince il ballottaggio l’avvocato Mauro Lombardo (Nuovo Polo civico) che sfiorando il 60% dei consensi si è imposto su Alfonso Masini del centrodestra (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Tradizione e sviluppo)

Ciampino. Qui Emanuela Colella è stata eletta sindaca al ballottaggio con il 56,38% (7.705 voti), imponendosi sulla sindaca uscente del centrodestra Daniela Ballico, ferma al 43,62% (5.961 voti).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA