Julian Assange, perquisito e trasferito. La moglie: lo hanno umiliato, è crudele

giovedì 23 Giugno 20:38 - di Paolo Lami
assange

Il giornalista e fondatore di WikiLeaks, Julian Assange è stato perquisito e trasferito il giorno in cui il ministro dell’Interno britannico, Priti Patel, ha firmato il decreto per la sua estradizione negli Stati Uniti.

È la denuncia che arriva dalla moglie, del reporter, Stella Assange secondo cui al fondatore di WikiLeaks è stato detto che sarebbe stato trasferito in un’altra cella – poi risultata essere completamente spoglia – “per la sua stessa protezione“.

Julian Assange, attualmente detenuto nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh, non ha avuto visite nel fine settimana successivo all’annuncio di venerdì scorso.

”La prigione è un’umiliazione costante, ma quanto accaduto venerdì è stato particolarmente crudele“, ha dichiarato Stella Assange.

“Dopo l’annuncio della decisione di Patel, Julian è stato prelevato dalla sua cella in modo che potesse essere perquisito e poi scortato in una cella dove è rimasto per il resto del fine settimana. La sua stessa cella è stata perquisita. Cercavano cose che potessero essere usate per togliersi la vita“, ha aggiunto, secondo quanto riporta il Daily Mail.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *