Barbarie contro i cristiani: due fratelli, accusati da un Imam di blasfemia, condannati a morte in Pakistan

22 Giu 2022 10:01 - di Lorenzo Peluso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Blasfemia e integralismo. Le sfumature del mondo lo rendono incredibilmente affascinante. La diversità di pensiero, di culture, oltre che di lingue e tradizioni rendono l’essere umano uno scrigno di unicità. Le differenze di fede, quelle purtroppo, sono spesso causa di atrocità. Nel medioevo; ancora prima con le persecuzioni dei cristiani. Le crociate e le guerre sante. Ancora oggi; nulla di diverso. Due fratelli cristiani, Qaiser Ayub e Amoon Ayub, accusati di blasfemia, in carcere dal 2011, su denuncia di un imam musulmano, stanno per essere giustiziati dopo la condanna a morte, già comminata in primo grado, dall’Alta Corte di Lahore, nella sua sezione di Rawalpindi. I due sono stati incriminati per aver compiuto vilipendio verso il Profeta Maometto, secondo l’articolo 295 comma C del Codice Penale del Pakistan. Nella sentenza di appello emessa l’8 giugno scorso, l’Alta Corte ha confermato la pena capitale per i due, accusati di aver pubblicato materiale blasfemo su Internet. Nel giugno 2011, un uomo musulmano informò la polizia che su Internet aveva visto un blog contenente materiale blasfemo contro l’Islam. Il blog conteneva anche il nome, il numero di telefono, l’indirizzo e-mail e l’indirizzo del presunto autore. Il nome indicato era Qaiser Ayub, il maggiore dei due fratelli cristiani. La polizia sporse denuncia contro i due fratelli e li arrestò. Nessuna delle informazioni disponibili, tuttavia, prova che i due fratelli abbiano effettivamente creato o pubblicato il materiale sul sito web.

Il Tribunale di primo grado condannò entrambi i fratelli nel dicembre 2018, argomentando che la presenza dei dati di contatto dei fratelli Ayub sul sito web blasfemo, e l’assenza di qualsiasi tentativo da parte loro di rivolgersi all’amministratore del sito web per rimuovere le loro informazioni di contatto, portavano chiaramente a concludere che essi erano responsabili della creazione del sito Internet. Tuttavia, come affermano gli avvocati dell’European Center for Law and Justice (Eclj), queste sono solo congetture, dato che chiunque può creare un sito web e pubblicare il nome e l’indirizzo di chiunque.

Il Tribunale di primo grado ha ignorato la testimonianza dei fratelli Ayub secondo i quali, prima che il blog venisse pubblicato, era scoppiata una lite con alcuni amici musulmani. Amoon crede che gli amici musulmani di suo fratello abbiano creato il sito Internet utilizzando le informazioni di contatto dei due cristiani per rappresaglia, con lo scopo di incastrarli e danneggiarli. Il 28 febbraio scorso l’Alta Corte ha aperto il ricorso in appello.

Gli avvocati hanno sottolineato alla Corte la mancanza di prove che i due abbiano scritto o pubblicato alcun post sul blog. E il Dipartimento per i crimini informatici afferma che non è stato possibile trovare informazioni su chi ha creato il blog. Secondo la giurisprudenza, in tali casi una persona può essere condannata solo se si prova in modo inequivocabile che il telefono, il mezzo informatico o il sito Internet siano stati effettivamente utilizzati dalla persona accusata. L’Alta Corte, tuttavia, ha ignorato queste argomentazioni e la giurisprudenza pertinente e ha confermato la pena capitale condannato per i due fratelli. La speranza ora è affidata all’European Center for Law and Justice (Eclj) che sta preparando un ricorso per presentare il caso alla Corte Suprema del Pakistan. Tuttavia, la riflessione è doverosa su una caso che mette in luce come l’integralismo religioso, ancora oggi, possa sfociare in un fanatismo bigotto che giustifica una pena capitale per due persone per l’accusa di blasfemia. Accade in Pakistan, dove le minoranze religiose vengono imprigionate e uccise. Ma accade anche in molte altre realtà del mondo dove in nome di Dio si consumano stragi ed omicidi nel silenzio del mondo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA