Scuola, a Bergamo 5 bambini ustionati mentre cucinano biscotti. E a Milano esplode batteria del cell

lunedì 30 Maggio 15:39 - di Leo Malaspina

Scuola a rischio, con due episodi molto gravi a distanza di poche ore, a Osio Sopra, in provincia di Bergamo, e a Milano, nel giorno dello sciopero di docenti e personale. In una scuola del Bergamasco, alcuni bambini stavano cucinando dei marshmallow nel giardino della scuola materna in via Maria Montessori 2 a Osio Sopra (Bergamo) quando le fiamme, intorno alle 10.30, hanno investito alcuni bambini. Il bilancio, secondo l’Areu l’azienda regionale emergenza urgenza, è di 8 pazienti coinvolti: cinque bambini e tre adulti.

Scuola pericolosa, l’episodio di Bergamo

In particolare una bimba di 4 anni ha riportato “ustioni multiple” ed è stata trasportata in elisoccorso (codice rosso) all’ospedale milanese Buzzi, un piccolo di 4 anni, anche lui con ustioni multiple, è stato trasportato in codice giallo al Niguarda, altri tre piccoli (una bimba di 3 anni, una bimba 5 anni e un bambino di 6 anni) – sempre con ustioni multiple – sono ricoverati al Papa Giovanni XXIII in codice giallo.

I tre adulti (tre maschi di 35, 36 e 40 anni) hanno invece riportato “sintomi da inalazione di fumi e ustioni” e sono stati trasportati per accertamento (codice verde/giallo) all’ospedale di Zingonia. Sul posto sono intervenuti due elicotteri, un’automedica, quattro ambulanze, vigili del fuoco e carabinieri.

A Milano esplode la batteria di un cellulare

Un altro episodio inquietante a scuola si è verificato sempre in Lombardia. Una power bank (batteria) all’interno di uno zaino è esplosa questa mattina, intorno alle 8.50 in una scuola in via Carlo Valvassori Peroni 8 a Milano, all’istituto Ipsar Amerigo Vespucci. Il bilancio è di otto persone coinvolte: 7 studenti e un insegnante, di cui tre minori portati in ospedale: una 17enne è stata trasportata per un malore (codice rosso) all’ospedale San Raffaele, mentre due 15enne, un ragazzo e una ragazza sono stati portati per “lievi sintomi da inalazione di fumo” (codice verde) all’ospedale De Marchi. Sul posto sono intervenuti un’automedica, due ambulanze, e la polizia.

Secondo gli accertamenti della Polizia di Stato, giunta sul posto stamani insieme al 118, la 17enne trasportata in codice rosso all’ospedale San Raffaele non era presente nella classe dove si è verificato il principio d’incendio. La ragazza, sofferente di una pregressa patologia, ha avuto una crisi mentre scendeva le scale insieme ai compagni durante un allontanamento dal piano in cui è avvenuto lo scoppio deciso dall’istituto, probabilmente per l’ansia creata dalla situazione.

Le sue condizioni non erano gravi secondo il 118, ma la pregressa patologia ha spinto i medici a ricoverarla in codice rosso. Dai medici sono comunque giunte notizie rassicuranti sulle sue condizioni. Gli altri due trasportati, un ragazzo e una ragazza, compagni di classe ed entrambi 15enni, giunti in codice verde alla Clinica De Marchi per aver inalato del fumo, sono stati già dimessi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *