Notte di sangue a Napoli, ruba la pistola a un vigilante e spara contro ragazzi al bar: 4 feriti, 2 gravi

29 Mag 2022 10:55 - di Martino Della Costa
spara ragazzi bar

Notte di sangue nel Napoletano. Punta il coltello contro una guardia giurata e sotto minaccia gli ruba la pistola. Poi, in sella a una bicicletta elettrica, tira fuori l’arma e spara diversi colpi contro alcuni ragazzi che stanno chiacchierando davanti a un bar. È successo tutto in pochi, drammatici minuti prima della mezzanotte a Qualiano, in provincia di Napoli. Quando gli spari esplosi all’impazzata colpiscono 4 ragazzi: due dei quali sono attualmente ricoverati in prognosi riservata e in pericolo di vita. Uno di loro, invece, è stato dimesso. Mentre l’altro ha subìto un intervento chirurgico e rimane in osservazione. Fatti i primi riscontri e ascoltati i testimoni, poi, le forze dell’ordine hanno tempestivamente identificato e arrestato l’autore del gesto.

Napoli, ruba la pistola a una guardia giurata e spara a 4 ragazzi al bar

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, allora, si tratterebbe di Marco Bevilacqua, un 37enne di Torre Annunziata (Napoli) già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, dopo aver rubato la pistola a un vigilante, ha raggiunto il luogo dell’agguato in sella a una bici elettrica e ha esploso diversi colpi d’arma da fuoco contro alcuni ragazzi in sosta davanti a un bar in via Rosselli di Qualiano. Ne ha colpiti 4: e due di loro versano in gravi condizioni. I carabinieri della sezione operativa di Giugliano, insieme a quelli della stazione di Qualiano, sono riusciti in poche ore a identificare l’uomo che avrebbe premuto il grilletto. E lo hanno rintracciato questa mattina intorno alle 6.30. Intanto, continuano le indagini per chiarire dinamica e motivazioni della sparatoria.

Sparatoria al bar: 4 feriti, 2 sono gravi. Fermato un 37enne già noto alle forze dell’ordine

Si indaga, a partire dal prendere in considerazione il fatto che l’episodio potrebbe essere collegato a una lite che il 37enne fermato avrebbe avuto nei giorni scorsi con il gruppo di ragazzi feriti dai colpi di arma da fuoco. E, soprattutto, si cerca di capire il perché di tanta rabbia e spietatezza. Quei colpi esplosi dal 37enne davanti a un bar nel centro del piccolo comune alle porte di Napoli, hanno centrato nel mirino un 19enne di Villaricca e tre 18enni, due dei quali di Mugnano e uno di Napoli. Vittime di una vicenda drammatica, che affonda le radici nel tessuto sociale di una realtà complessa, sempre più spesso al centro della cronaca.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA