Musk difende Trump: «È stato un errore da stupidi bloccare l’account dell’ex presidente Usa»

martedì 10 Maggio 20:35 - di Alessandra Danieli

È stato “moralmente sbagliato e completamente stupido” bloccare l’account di Twitter dell’ex presidente americano Donald Trump. Così, con una certa dose di sfida al mainstream e molto realismo Elton Musk. L’amministratore delegato di Tesla ha contestato la censura dei social all’ex inquilino della Casa Bianca. Intervenendo a un evento organizzato dal Financial Times.

Musk: il bando di twitter a Trump è stato stupido

Dedicato al futuro del settore automobilistico. Musk , che ha acquistato il colosso social, ha quindi annunciato che il bando verrà revocato.  E che la ‘punizione’ non ha messo a tacere l’ex presidente Usa. In mattinata il magnate miliardario, che presto prenderà il controllo di Twitter, aveva assicurato il massimo sforzo per ottemperare alla nuove regole varate da Bruxelles in materia di piattaforme digitali e di social network. “Sono d’accordo con tutto quello che ha detto. Credo siamo veramente sulla stessa lunghezza d’onda”, ha spiegato Musk  all’indirizzo di Thierry Breton. Il commissario europeo per il mercato interno. “Qualsiasi cosa le mie società possano fare – ha aggiunto che sia a beneficio dell’Europa, vogliamo farla”. Una rassicurazione che in molti aspettavano sul nuovo decalogo della Ue sul terreno minato dei social.

Il magnate incontra il commissario Ue Thierry Breton

Nel video, pubblicato su Twitter, dell’incontro tra i due, avvenuto in uno degli impianti in Texas dove si costruiscono i veicoli elettrici della Tesla, Musk ha detto che i principi del Digital Services Act – con cui l’Unione mira a imporre alle grandi multinazionali della rete una maggiore responsabilità sui contenuti illegali o nocivi che circolano sulle loro piattaforme – “sono esattamente allineati con quello che pensiamo“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *