Monza in serie A, traguardo storico. Berlusconi pazzo di gioia: “Ora scudetto e Champions”

30 Mag 2022 9:06 - di Alberto Consoli
Monza

Meravigliosa serata. Abbiamo combattuto per un lungo anno e finalmente siamo arrivati a un traguardo storico. Il Monza dal 1912 non era mai stato in serie A e oggi ci siamo arrivati. Quindi è una cosa meravigliosa per il Monza, per tutti noi e per tutti i cittadini della Brianza“. Così un Silvio Berlusconi, presidente del Monza, giustamente raggiante,  celebra in un video pubblicato su Facebook la promozione dei biancorossi in serie A.

Monza, traguardo storico. Berlusconi non si ferma qui

E’ stata una notte di festa a Monza per la prima, storica promozione in Serie A dell’Ac Monza Calcio. Un traguardo atteso da oltre 112 anni, che i tifosi hanno voluto celebrare riversandosi in migliaia in piazza Trento e Trieste e piazza del Duomo. Hanno intonato cori e canti di gioia tra bandiere biancorosse e fumogeni. In programma per domani, martedì 31 maggio, la festa con la squadra di Giovanni Stroppa, che ha conquistato la massima serie vincendo la doppia finale playoff contro il Pisa. “È una grande gioia e per tutta la Brianza una delle provincie più operose d’Italia che ha nel cuore una gioia che non si aspettava neppure di avere”, ha poi commentato ai microfoni di Sky Sport, pochi minuti dopo il fischio finale, il presidente Silvio Berlusconi, definendo già l’obiettivo per le prossime stagioni: “Chiaramente essendo in Serie A – ha dichiarato – dobbiamo puntare allo scudetto e poi alla coppa dei Campioni. Io sono abituato a vincere sempre. La promozione del Monza e lo scudetto del Milan sono risultati che fanno bene al cuore”. E proprio sulla futura sfida contro i rossoneri ha aggiunto: “Adesso sarà molto bello affrontare il Milan in Serie A perché avrò il cuore da una parte e dell’altra”.

Monza, maledizione sfatata: in 40 anni gli unici a non salire in serie A

In 40 partecipazioni alla Serie B i brianzoli erano gli unici a non essere mai saliti nella massima serie. È il punto più alto di una storia gloriosa passata da Casiraghi e Ganz a Massaro e Costacurta, gli anni d’oro con Galliani e il ritorno di fiamma insieme a Berlusconi. Il filo conduttore è il protagonista di ieri in campo e oggi in panchina. Sembrava dovesse diventare la notte magica del Pisa per come si erano  messe le cose. E’  diventata la grande festa del Monza. All’Arena Garibaldi – Romeo Anconetani è successo di tutto, con i nerazzurri capaci di ribaltare in fretta lo svantaggio ai playoff dell’andata salvo poi cedere all’organico extra-lusso del Monza. Festa grande per Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, presenti a Pisa, che portano i brianzoli per la prima volta in Serie A nella loro storia. Lo fanno con l’apporto di Giovanni Stroppa, che da calciatore aveva scritto pagine importanti nel Milan di Sacchi.  E ora, nuovamente con  Cavaliere e il suo dirigente più fidato, centra la seconda promozione in A della sua carriera dopo quella alla guida del Crotone.

Il capolavoro di Berlusconi e Galliani

“Il capolavoro di Berlusconi e Galliani”, titolano i principali giornali e non solo quelli sportivi. Nello stesso stadio dove il Milan di Sacchi nel settembre del 1987 iniziò con una vittoria la cavalcata scudetto, Silvio Berlusconi e Adriano Galliani realizzano il sogno cullato già dal settembre del 2018; quando Fininvest acquisì il club allora in Lega Pro. Dopo Lecce e Cremonese, il Monza in capo a una partita rocambolesca e tirata fino all’ultimo sospiro, stacca l’ultimo pass per la Serie A sognando già suggestivi derby con il Milan.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi

SUGERITI DA TABOOLA