Famiglia italiana di testimoni di Geova rapita in Mali da un commando di terroristi islamici

venerdì 20 Maggio 18:55 - di Paolo Lami

Sono stati prelevati da un commando composto da quattro uomini arrivato a bordo di una Toyota nel villaggio di Sicnina, nella regione di Sikasso, tre italiani, marito, moglie e il loro figlio – una famiglia di Testimoni di Geovarapiti in Mali.

Dietro il rapimento potrebbero esserci i terroristi qaedisti del Jnim, acronimo per Gruppo d’appoggio all’Islam e ai musulmani.

Lo rivelano all’Adnkronos fonti informate, sottolineando come la zona in cui si trovavano, al confine con il Burkina Faso, è un’area dove è fortissima la presenza di jihadisti.

I tre si trovavano a Sincina, nella regione di Sikasso, circa 270 chilometri a sudest di Bamako e durante il blitz non sarebbe stato aperto il fuoco.

La famiglia rapita vivevano in Mali con un gruppo di testimoni di Geova, da diversi anni.

I connazionali non erano neanche registrati all’Aire, l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero. E molto probabilmente, secondo le fonti, si sentivano al sicuro nonostante risiedessero in un’area del Mali molto pericolosa e nonostante usassero nomi locali.

Nel 2021 il Mail ha registrato il numero più alto di attacchi terroristici e di morti dal 2011. Lo riferisce il Global terrorism index 2022, pubblicato in questi giorni dall’Institute for Economics and Peace.

Gli attacchi e le morti per terrorismo in Mali sono aumentati rispettivamente del 56% e del 46% rispetto all’anno precedente, si legge nel rapporto.

Si tratta del più grande aumento da un anno all’altro dal 2017 ed è una conferma della tendenza al rialzo iniziata con la dichiarazione dello stato di emergenza nel 2015 sulla scia dell’attacco jihadista al Radisson Blu Hotel di Bamako.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *