Partita aperta tra Macron e Le Pen: il presidente “dei ricchi” non sfonda e Letta è già a lutto

22 Apr 2022 12:07 - di Romana Fabiani

Nessun terremoto nei sondaggi per il secondo turno di ballottaggio in Francia. Non si registrano particolari novità nelle propensioni degli elettori sul nuovo inquilino dell’Eliseo. Emmanuel Macron è ancora in testa con il 53% contro il 47% di Marine Le Pen. Lo rivela un secondo un sondaggio Odoxa-Mascaret per L’Obs. La forbice tra il presidente uscente e la leader del Rassemblement national è sempre la stessa.

Partita aperta tra Macron e Le Pen

Probabilmente sarà l’astensionismo a decidere la partita. Un eventuale distacco forte tra i due candidati nelle urne sarebbe più dovuto a un voto ‘per necessità’ o per continuismo, che per convinzione. Macron, in caduta libera nei sondaggi dei mesi precedenti al voto, ha giocato volutamente un profilo basso, salvo accendersi a pochi giorni dal primo turno. Il terzo incomodo Jean-Luc Mélenchon, il socialista dal pugno chiuso,  non ha dato indicazioni di voto. Incline all’avversaria di Macron, invece, Eric Zemmour, il polemista de le Figaro che ha arruolato nel suo nuovo partito Marion Maréchal, nipote della Le Pen.

I duelli televisivi non spostano i voti

Il dibattito tra i due turni elettorali non ha sconvolto i pronostici della vigilia e non ha sostanzialmente modificato l’immagine che gli elettori hanno dei due candidati. Lo scarto registrato, però, “non corrisponde a quello abitualmente tra un presidente socialdemocratico e un avversario dell’estrema destra, Si avvicina piuttosto a quello classicamente registrato tra avversari quali Hollande-Sarkozy, Sarkozy- Royal, Chirac-Mitterrand o Mitterrand-Giscard”. È il parere di Gaël Sliman, presidente dell’istituto Odoxa citato da Bfmtv.

Macron non supera il 50 con nessun ‘abbinamento’

Percentuali vicine, legate soprattutto a un potenziale sostegno a Macron da parte degli elettori di sinistra più debole del solito. “Macron non supera il 50% dei voti presso nessun altro elettorato, mentre Marine Le Pen potrà contare su più dell’80% di voti degli elettori di Zemmour”A pesare sulle preferenze per Macron è anche l’astensione potenzialmente elevata tra i sostenitori di Mélenchon,  che non ha esplicitamente spinto i suoi elettori a votare per Macron. Secondo il sondaggio, un terzo di quegli elettori (33%) ha intenzione di astenersi domenica. E meno della metà (43%) voterebbe in favore del presidente uscente. E malgrado le indicazioni contrarie del candidato di riferimento, il 24% vorrebbe votare Le Pen.

Il presidente dei ricchi e la demagoga

Il duelli televisivi non hanno modificato la percezione dei francesi. Macron è sempre etichettato (58%, +2%) come il “presidente dei ricchi”. Mentre 6 su 10 (+1) pensano che potrebbe nuovamente dividere il Paese. Le Pen rischia di fare altrettanto secondo il 65% degli interpellati (-2%). Il 55% l’accusa di essere demagogica, il 54% di non essere competente. Il dibattito, commenta Sliman, ha apparentemente contribuito più a fissare le intenzioni di voto degli elettori che a determinare un cambiamento.  Solo per il 39% si tratterà infatti di un voto “di adesione“.

Letta vede sfracelli se vincesse la Le Pen

Neanche a dirlo in Italia Enrico Letta, non solo tifa esplicitamente per Macron come è naturale, ma torna ad agitare lo spettro della catastrofe e della minaccia alla democrazia in caso di vittoria della leader di destra. Un copione vecchio che ormai nessuno, neanche nella gauche italiana, recita più. “La vittoria di Marine Le Pen rappresenterebbe la fine dell’integrazione europea. Avrebbe un effetto devastante sulla costruzione europea come l’abbiamo concepita fino ad oggi”. Parola del segretario dem che alla vigilia delle elezioni polacche sperava nella débacle di Orban.

.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Giuseppe Giorgi 23 Aprile 2022

    Macron rappresenta i ricchi Francesi Come in Italia il PD

  • Giuseppe Forconi 23 Aprile 2022

    letta puo’ tifare quanto vuole per Macron ma e’ ora che cominci a prendere qualche sberla anche se indirettamente via Francia. Quelle vere le prendera’ direttamente da noi al voto. Tenga duro letta e pensi a dove poter andare, perche’ la sconfitta arrivera’ e saranno e saranno dolori.

  • Adelio Bevagna 22 Aprile 2022

    confido negli sfraceli di letta e, lo spoppolamento dei fegati di comunisti … a seguire lo scioglimento dell’europa … la nostra salvezza.