Finti agenti del “Folletto” hanno raggirato oltre 100 anziani: come funzionava la truffa

sabato 23 Aprile 17:45 - di Redazione
"Folletto"

Quattro finti venditori dell’aspirapolvere ‘Folletto’ sono stati arrestati dopo aver truffato centinaia di anziani. Vittime ancora una volta di soprusi, raggiri da parte di balordi senza scrupoli. I carabinieri della Compagnia San Martino hanno eseguito  tra Genova, Santa Margherita Ligure e Senise (Potenza), un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Genova, nei confronti dei responsabili, accusati, a vario titolo, di truffa, ricettazione e sostituzione di persona, con l’aggravante di aver profittato dell’età avanzata delle vittime. Da tempo glia anziani sono le vitime privilegiate di ignobili raggiri.

Come truffavano gli anziani i finti agenti del “Folletto”

L’attività di indagine, convenzionalmente denominata ‘Folletto’, avviata a luglio 2020 e conclusa a marzo di quest’anno, ha permesso di individuare due genovesi, ex dipendenti della nota azienda tedesca Vorwerk, i quali, utilizzavano sempre il medesimo modus operandi: suonavano al campanello di persone anziane, dicendo di essere dipendenti dell’azienda che produce il conosciutissimo aspirapolvere Folletto. E spiegavano di dover ritirare l’apparecchio per un difetto di fabbrica che sarebbe stato riparato in qualche giorno.

Truffa da 200mila euro

Gli stessi elettrodomestici erano poi rivenduti a ignari acquirenti attraverso piattaforme di vendita online, tra cui ‘Market Place di Facebook’, oppure ricettati attraverso l’attività commerciale degli altri due arrestati, due fratelli titolari di una ditta. Dagli approfondimenti investigativi è emerso che solo nel capoluogo ligure, gli arrestati hanno messo a segno oltre cento truffe con questa tecnica, solo una parte di queste era però stata denunciata alle forze dell’ordine. Il danno complessivo stimato, alle vittime e alla ditta ‘Vorwerk’ è stimato in circa 200mila euro, tutti i destinatari delle ordinanze sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *