Arrestata l’estetista delle iniezioni killer a Samantha Migliore: è una trans sudamericana che era scappata

23 Apr 2022 13:20 - di Marta Lima

Si è costituita alla caserma dei carabinieri di Cento di Ferrara l’estetista che ha eseguito a domicilio l’intervento al seno di Samantha Migliore di Maranello, in seguito al quale la 35enne è deceduta. La trans, che si fa chiamare Pamela, di origine brasiliana, era fuggita dall’abitazione della donna a Maranello, quando si era reso conto che la situazione della donna stava precipitando, facendo perdere le proprie tracce. Ai carabinieri l’estetista, o presunta tale, si è presentata accompagnato dai legali ed è stata arrestata con l’accusa di morte conseguente ad altro reato, in questo caso di ipotizza l’esercizio abusivo di professione medica.

La morte di Samantha Migliore forse provocata dalla trans estetista

Samantha era a casa, con il marito, alcuni parenti, amici e i figlioletti. Poco dopo l’ha raggiunta una estetista di origini straniere. La richiesta era quella di “sollevare” un pochino il seno, un ritocco. La presunta professionista avrebbe quindi effettuato una puntura, o forse di più. Poco dopo il dramma: la 35enne si è sentita male e ha perso conoscenza. Non è chiaro se la donna sia stata colta da choc anafilattico o da arresto cardiocircolatorio: sarà l’autopsia a chiarire cosa abbia causato il decesso. Inutili i tentativi dei sanitari, subito accorsi, i rianimare la giovane mamma. Le pratiche sono andate avanti per un’ora ma poco dopo l’arrivo all’ospedale di Baggiovara Samantha Migliore è morta”.

I tentativi di salvarla in extremis

”Pare che i medici abbiano provato a “trattarla” sia con farmaci salvavita, per lo choc anafilattico sia con farmaci volti a “contrastare” emboli a livello cardiaco. Solo l’esito dell’autopsia potrà stabilire cosa abbia scatenato il farmaco iniettato dall’estetista. La donna si è appunto dileguata poco dopo e ieri erano in corso le indagini degli uomini dell’arma per rintracciarla. Infatti sul posto sono subito intervenuti i carabinieri di Maranello che – grazie alla testimonianza degli amici della vittima – hanno ricostruito quanto avvenuto all’interno dell’appartamento. Sicuramente nei confronti della donna scatterà un provvedimento per omicidio colposo o per morte come conseguenza di altro reato – potrebbe trattarsi di una estetista “abusiva” -, ma anche per omissione di soccorso. Il caso è finito subito sul tavolo della procura modenese”.

Ora toccherà alla magistratura valutare la posizione della trans. Potrebbe essere chiamata a rispondere di omicidio colposo, oppure di morte come conseguenza di altro reato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • franz 23 Aprile 2022

    Al massimo gli daranno gli arresti domiciliari. Giustizia all’italiana.

  • SUGERITI DA TABOOLA