Scandalo Report, Forza Italia scrive ai vertici Rai: “Inquietanti interrogativi sul metodo Ranucci”

lunedì 14 Febbraio 20:15 - di Luisa Perri
metodo Ranucci

“I contenuti del video pubblicato sul sito del quotidiano il Riformista con protagonista il giornalista Sigfrido Ranucci suscitano interrogativi inquietanti sul metodo con il quale il conduttore di Report acquisirebbe il materiale delle sue inchieste. In sostanza apparirebbe una modalità consolidata quella di concordare l’invio di materiale anonimo da parte di sconosciuti (coperti da società di comodo o prestanome) a fronte di un contemporaneo invio di materiali inutili e inutilizzabili pagati dalla Rai con una fatturazione, per così dire, quantomeno fantasiosa se non fittizia”. Così in una lettera inviata al presidente della Rai, Marinella Soldi, e all’amministratore delegato, Carlo Fuortes, dai commissari di Forza Italia presso la Commissione di Vigilanza Rai, Paolo Barelli, Maria Alessandra Gallone, Maurizio Gasparri, Patrizia Marrocco, Andrea Ruggieri e Renato Schifani.

“La questione, se fosse confermata – prosegue la missiva – solleva inquietanti interrogativi. I contribuenti pagherebbero con il canone l’acquisto di materiali inutili che sarebbero alcune volte addirittura forniti dal compratore con una evidente partita di giro? E ancora, se così fosse, come sarebbero verificati e vagliati i materiali anonimi se nessuno ne conosce la provenienza e non è tracciabile chi li ha realizzati e con quali modalità? In relazione alle responsabilità che competono in particolare i vertici dell’azienda – aggiunge la nota dei commissari di Forza Italia presso la Commissione di Vigilanza Rai- chiediamo quali iniziative si intendono intraprendere per accertare l’esistenza di tali modalità operative che, se confermate, sarebbero di estrema gravità.

“Ringraziando per l’attenzione -conclude la nota – chiediamo inoltre di comunicare alla Commissione di Vigilanza Rai le risultanze dell’indagine e se necessario rendere la Commissione stessa edotta delle eventuali iniziative da intraprendere presso le autorità competenti”.

Il “metodo Ranucci” ha tenuto banco anche su Twitter. Guido Crosetto ha scritto: “Non so se siano vere accuse, filmati, messaggini, minacce di cui si parla ma mi colpisce che nessuno ne chieda conto a lui ed ai vertici Rai o che non si parli al Copasir delle minacce ad eletti. Temete i dossier?”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *