Fontana archiviato dal gip su richiesta della Procura per i soldi in Svizzera

martedì 22 Febbraio 16:14 - di Paolo Lami
Fontana

Per il gip di Milano, Natalia Imarisio, non ci sono elementi sufficienti per sostenere l’accusa contro il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana indagato per autoriciclaggio e falso nella ‘voluntary disclosure‘ in relazione a 5,3 milioni di euro che erano depositati su un conto corrente in Svizzera, ‘scudati’ nel 2015, e in particolare riguardo a 2,5 milioni ritenuti il frutto di presunta evasione fiscale. E, per questo motivo il gip ha accolto la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura per Fontana.

Di fronte al ‘mutismo’ della Svizzera che non ha mai risposto alla rogatoria avanzata dalla Procura, il giudice concorda con la Procura, i pm Paolo Filippini e Carlo Scalas e il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, quando “ritiene non acquisite – e non acquisibili, per quanto già esposto – risultanze sufficienti ad ipotizzare con ragionevole prognosi di condanna la riconducibilità delle violazioni in esame (anche solo in parte) ad Attilio Fontana“.

Non solo: nel suo decreto il gip “ritiene che i concreti esiti investigativi (con gli apporti citati della difesa) risultino maggiormente concludenti (e comunque tali da fondare una più che ragionevole ipotesi alternativa in tal senso) ai fini dell’esclusione di tale riconducibilità”.

In particolare i difensori, gli avvocati Jacopo Pensa e Federico Papa, hanno fatto accertamenti sui soldi della madre di Fontana, morta nel 2015, confluiti in un conto Ubs nel 2005, “ossia un conto Bdg di Losanna” intestato alla donna e aperto il 12 dicembre 1999 con il nome identificativo ‘Axillos.

Fontana ha sempre sostenuto che la somma, regolarizzata 6 anni fa, era il lascito ereditario di sua madre.

Per dimostrarlo lo scorso maggio, i suoi difensori, Jacopo Pensa e Federico Papa, hanno depositato la documentazione bancaria relativa ai conti svizzeri sostenendo che non c’è stato alcun versamento in contanti ma che si trattava di denaro investito in titoli, fondi e altro, e riconducibile alla madre.

“Per la difesa, fortemente significativo della riconducibilità di tale provvista ai risalenti risparmi di famiglia (e non al reddito dell’indagato) sarebbe la coincidenza di tale nome con quello (‘Assillo’) identificativo della relazione bancaria aperta presso Ubs già dal padre dell’indagato, Elio, nel lontano 1977 e chiusa nel 1997″ secondo una corrispondenza bancaria del 2021, prodotta dalla difesa e “della cui genuinità la Procura stessa non dubita“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *