Covid, finalmente c’è ottimismo. Sileri: «Dalla pandemia stiamo uscendo». I tecnici: basta emergenza

martedì 1 Febbraio 13:42 - di Redazione

Buone notizie sul fronte pandemia. Si registra un certo ottimismo tra addetti ai lavori e scienziati e la volontà di allentare vincoli e restrizioni. “Dalla pandemia stiamo uscendo. Inizieremo una fase di normalità con convivenza con il virus”. Parola del sottosegretario Pierpaolo Sileri che spiega il passaggio dalla “pandemia all’endemia”. Il collega  Andrea Costa, dal suo canto, promette il massimo impegno per concludere definitivamente lo stato di emergenza al 31 marzo. “I dati in questo senso sono positivi e ci auguriamo che continuino e dobbiamo continuare con le terze dosi”, dice. Tra le novità annovera anche lo stop delle mascherine all’aperto nelle prossime settimane, l’arrivo in primavera del vaccino under 5 lo screening dei tamponi solo per chi ha sintomi.

Gismondo: normalità per le psiche e l’economia

“In questo momento il virus ci sta dando tregua, abbiamo la circolazione di una variante. Che per fortuna non sta infierendo e quindi è giusto e corretto, nel rispetto della psiche e anche dell’economia, finirla con lo stato di emergenza, restituirci una vita normale”. La microbiologa Maria Rita Gismondo è molto favorevole alla svolta normalizzatrice. “Nelle condizioni attuali è assolutamente ingiustificato lo stato d’emergenza”, aveva dichiarato già nei giorni scorsi l’esperta virologa al Sacco di Milano. “Non escludo mai le sorprese, ma dobbiamo comportarci in base allo scenario che il virus ci offre di volta in volta. E oggi lo scenario è questo”.

Vaia: andiamo verso una primavera di rinascita

Di semplificazione parla anche Francesco Vaia, direttore dello Spallanzani. “Andiamo verso una primavera di rinascita. Se i dati continuano a confermarsi, sia quelli osservazionali sulla popolazione che quelli derivanti dai sempre più numerosi studi su Omicron in particolare, dovremo mitigare le misure. Semplificare tutto, riappropriarci sempre di più degli spazi di socialità. La società civile è pronta e matura per continuare a mantenere le misure di salvaguardia che ancora sono necessarie. Il governo mi sembra assolutamente disponibile”. Vaia si dice fiducioso che anche stavolta si prenderanno le decisioni più giuste per “ridare voglia di vivere alle persone e un grande impulso alla ripresa dell’economia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *