Russiagate: il mistero di Mifsud, il professore maltese scomparso nel nulla a Roma

martedì 25 Gennaio 17:22 - di Roberto Frulli
Joseph Mifsud, coinvolto nel Russiagate

Sembra proprio sparito nel nulla Joseph Mifsud, l’accademico maltese al centro dell‘intrigo spionistico internazionale del Russiagate e di cui si sono perse le tracce dalla fine di ottobre del 2017 mentre si trovava a Roma.

Mifsud è ritenuto colui che avrebbe offerto al consigliere di Trump, George Papadopoulos, le mail imbarazzanti di Hilary Clinton scovate dai russi.

Ma il docente maltese è anche accusato dalla Procura agrigentina di alcune spese pazze fatte con le carte di credito del Consorzio universitario di Agrigento nel 2009, quando Joseph Mifsud, venne nominato presidente dell’istituzione didattica.

Il procuratore Luigi Patronaggio e l’aggiunto Salvatore Vella, che hanno coordinato l’inchiesta, con la pm Giuli Bisso, contestano al misterioso professore maltese, a cui non è stato è possibile neppure recapitare la richiesta di rinvio a giudizio non sapendo dove egli si trovi, una serie di spese, per un totale di quasi 50mila euro.

“Nessuna notizia, nessun contatto, nulla”. Nessuna traccia, insomma, di Joseph Mifsud, assicura  l’avvocato svizzero Stephan Roh, contattato dall’Adnkronos .

Roh è stato il legale di Mifsud, l’ultimo, forse, ad averlo visto di persona, nel maggio del 2018. Egli è a conoscenza del rinvio a giudizio deciso dai pm della Procura di Agrigento per l’accusa di peculato.

Le “spese pazze“, dice l’avvocato Roh, “ne ho letto sui media, ma non ho nessuna notizia su Mifsud“.

Roh smentisce anche le voci che vorrebbero il professore maltese nascosto in Russia. “In Russia? Non ho informazioni in questo senso”, dice.

La vicenda, come ha scritto l’Adnkronos nei giorni scorsi nel riferire del rinvio a giudizio, riguarda proprio l’uso improprio che sarebbe stato fatto da Mifsud delle carte di credito del Consorzio.

Mifsud è letteralmente scomparso nell’ottobre del 2017, quando gli investigatori Usa che indagavano sulla vicenda del Russiagate (i presunti e mai provati legami tra Donald Trump e Mosca), resero noto il suo coinvolgimento nella vicenda.

Da allora, l’accademico maltese è stato cercato ovunque, nel suo appartamento a Roma, presso il suo ex-campus alla Link University di Roma, legato a triplo filo ai Servizi segreti italiani, a Londra, dove pure il docente aveva insegnato.

Già due anni fa, l’avvocato Roh, intervistato dall’Adnkronos aveva detto di non sapere dove fosse il suo cliente. “Non so dove sia, l’ultima volta che ho avuto sue notizie fu la scorsa primavera, attraverso una terza persona”, si limitò a dire.

Per capire dove fosse finito Mfsud, due anni fa l’ex-ministro della Giustizia Usa, William Barr e il procuratore John Durham, che per conto dell’ex-presidente Donald Trump hanno condotto la contro-inchiesta sul Russiagate, erano volati a Roma per chiedere l’aiuto della nostra intelligence.

Il 13 novembre 2019 Mifsud fece arrivare all’Adnkronos un audio con la sua voce, nel quale smentiva qualsiasi legame con i servizi di intelligence dei Paesi coinvolti nel Russiagate. Poi il nulla.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *