De Niro vuole l’Oscar per il film di Sorrentino: “La sua Napoli è come la New York di Allen e Scorsese”

domenica 30 Gennaio 12:20 - di Luisa Perri
De Niro Sorrentino

“Ci sono così tante cose fantastiche” nel film “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino, “ricca storia di formazione”. È un vero e proprio endorsement quello di Robert De Niro nei confronti del regista de La grande bellezza e del suo ‘The Hand of God (titolo per gli Usa). La star italoamericana ha voluto dedicare alla pellicola una suo commento pubblicato dalla rivista “Deadline”, a poche settimane dalla Notte degli Oscar, dove l’opera di Sorrentino è in nomination per la statuetta al miglior film in lingua internazionale.

L’attore due volte Premio Oscar definisce È stata la mano di Dio” “un film incredibilmente personale. Sorrentino, che ha scritto oltre che diretto il film, ha creato il suo surrogato Fabietto dal proprio Dna e dalle proprie esperienze e ha ambientato il film nella sua nativa Napoli. Il co-protagonista più importante di Fabietto non è un membro del meraviglioso cast bensì la città stessa. L’amore di Sorrentino per Napoli si condivide

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi