Caos scuola, al liceo Newton lezioni col cappotto: scatta l’esposto alla polizia contro la Città Metropolitana

mercoledì 12 Gennaio 14:35 - di Redazione
liceo Newton

I mille volti del Caos scuola: «Lezioni in giaccone a causa delle finestre aperte. Siamo a 90 positivi. Domani primo controllo del green pass a una classe. Abbiamo chiesto alle famiglie di comprare Ffp2». Lo denuncia all’Adnkronos la dirigente del liceo Newton a Roma, Cristina Costarelli che contestualmente, sul gelo in aula, fa sapere: «Procederò ad un esposto alla polizia contro la Città Metropolitana per interruzione di pubblico servizio».

Caos scuola, la preside del liceo Newton: in classe si gela

Il caos scuola imperversa. Ma in alcune realtà le mancanze e i disguidi si fanno sentire più che in altre. E così, dopo aver denunciato la situazione a livello generale e in veste di presidente dell’Associazione nazionale presidi, ora Cristina Costarelli torna a parlare dal suo ruolo di dirigente del liceo Newton della capitale. E dopo aver affrontato la vexata quaestio del rientro a scuola in presenza in termini generalizzati, parlando di «gestione faticosa» e di «didattica complicata», sia per i docenti che per gli studenti, punta l’attenzione sull’istituto capitolino che dirige. Ma il riassunto dello stato dell’arte non può che diventare un elenco di criticità e preoccupazioni.

«Non abbiamo le risorse per l’acquisto delle mascherine Ffp2»

E allora, dichiara la Costarelli all’Adnkronos: «Al Newton dagli 81 positivi di lunedì. Agli 85 di ieri. Siamo arrivati a 90 positivi. Abbiamo almeno 38 classi su 46 in ddi. Siamo già entrati nelle disposizioni ultime di quarantena: due classi con Ffp2. Domani in una classe cominceremo a controllare il Green pass ai ragazzi: chi non lo ha starà a casa in dad». E in calce, la dirigente del liceo Newton di Roma aggiunge anche: «Abbiamo inviato un circolare alle famiglie per provvedere a far avere le mascherine ai figli. Noi non abbiamo le risorse per l’acquisto».

Lezioni col cappotto, dopo il rimpallo di responsabilità arriva l’esposto contro la Città Metropolitana

E non è tutto. Perché tra le difficoltà che la dirigente si ritrova ad affrontare con il rientro in presenza, sottolinea il problema – non trascurabile – del gelo delle aule. «Da ieri l’intera succursale è in didattica a distanza – prosegue allora la preside – a causa del riscaldamento rotto. Oggi procederò ad un esposto alla polizia contro la Città Metropolitana per interruzione di pubblico servizio. Città metropolitana non provvede e non risponde alle segnalazioni dal 7 gennaio. E scarica la responsabilità sulla ditta che gestisce che a sua volta accusa l’Ital gas. Abbiamo fatto di tutto perché si risolvesse la situazione. Per noi è responsabile Città Metropolitana: i ragazzi non possono fare lezione in presenza con una temperatura di 8 gradi». «Già in centrale – conclude quindi la Dirigente – bisogna stare con le giacche indosso perché per garantire l’areazione con le finestre aperte la temperatura si aggira intorno ai 16 gradi, massimo 18»…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *