“Sono morti tutti e tre gli operai”. Urla e scene di disperazione dopo il crollo della gru a Torino (video)

sabato 18 Dicembre 17:58 - di Vittorio Giovenale
torino gru

Un drammatico video girato immediatamente dopo il crollo della gru in via Genova a Torino sta circolando in Rete in queste ore. Il cedimento della struttura ha causato la morte di tre operai e il ferimento di altre tre persone, due passanti e un operaio.

Le immagini dopo il crollo della gru di Torino

A filmare l’agghiacciante scena, subito dopo l’accaduto, un passante. Mentre sullo sfondo si sentono le prime sirene dei soccorsi e le urla delle persone rimaste intrappolate sotto la struttura, c’è un operaio che al telefono grida: «Sono morti tutti… Cosa stai a fare in ufficio!! Sono morti i gruisti, i tre montatori, vieni giù…». E ancora: «Dovevo andare in pensione, io non ce la faccio, io me ne vado – urla -. La gru è caduta, non so cosa sia capitato». In sottofondo si sentono delle grida strazianti, una donna indicando un operaio sommerso dalle macerie dice: «Respira ancora». Un uomo dice: «Cosa avete combinato». Poco disan un anziano ripete “è un manicomio, è un manicomio”.

I tre operai morti sono tutti italiani

E’ di tre morti e di tre feriti il bilancio finale del crollo di una gru avvenuto attorno alle 10 questa mattina in via Genova. Le tre vittime sono tutti operai che erano impegnati a installare l’imponente gru, che doveva effettuare un intervento di manutenzione sul tetto del civico 107 di via Genova, a poche decine di metri dal Lingotto. I tre feriti sono invece dei passanti, due lievi. Sono tutti e tre italiani gli operai morti questa mattina nel crollo di una gru in via Genova a Torino. Si tratta di un 54enne, di un 52enne e di un giovane appena ventenne. Ha 39anni e a quanto si apprende sarebbe di origine straniera, invece, l’operaio rimasto ferito.

In Piemonte sono 40 i morti sul lavoro nel 2021, secondo il drammatico bilancio denunciato in queste ore dai sindacati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *