Salernitana senza pace: il 31 rischia l’esclusione dal campionato. E il Covid ferma la trasferta a Udine

lunedì 20 Dicembre 20:42 - di Penelope Corrado
Salernitana

“I trustee hanno tempo fino al 31 per cedere la società e mi auguro che questo possa ancora avvenire. In difetto di ciò, chiederemo una proroga per terminare il campionato e mi auguro sia così”. Ai microfoni di Radio Anch’io Sport, su Rai Radio 1, il direttore sportivo della Salernitana, Angelo Fabiani, prova a leggere nel futuro di un club in grande difficoltà, sportiva e societaria.

Una situazione a suo dire quasi inspiegabile: “Siamo in attesa di un imprenditore che possa prendere una società che a livello economico vive di luce propria. Ci auto-finanziamo e chiuderemo il bilancio in attivo. So che ci sono state tante manifestazioni di interesse ma c’è stato qualcosa che non ha funzionato: non si capisce come nessuno si avvicini ad una società che finisce con saldi attivi per svariati milioni di euro. Non abbiamo scontato il paracadute o fatto spese folli, il club produce utili e questa situazione mi angoscia: un imprenditore che vede i bilanci a fine campionato troverà 20-30 milioni nelle casse”.

Secondo Fabiani, sulla Salernitana c’è una disinformazione diffusa: “Escludo nella maniera più assoluta che Lotito possa essere ancora proprietario del club, visto che lui e Mezzaroma hanno ceduto con un atto notarile le proprie quote del 50% ai due trustee. I tifosi invocano chiarezza a costo di finire in D? Se sapessero come stanno le cose, non la penserebbero così. Poi pagano il biglietto e possono mandare a quel paese chi vogliono, ma oggi Lotito e Mezzaroma non c’entrano più nulla con la Salernitana”. Circa un ritorno in panchina di Castori, il dirigente dei campani ammette che “il problema prioritario non è Castori o Colantuono, ma trovare un presidente, una proprietà che dia continuità ad un lavoro fatto in questi ultimi otto anni. E
poi la salvezza è a cinque punti, è ancora tutta da giocare”.

La Salernitana fermata dall’Asl per un focolaio Covid

Per il club granata non va meglio nel calcio giocato. Udinese-Salernitana è infatti a forte rischio rinvio. Non solo un calciatore, anche due membri dello staff della Salernitana sono risultati positivi al Covid-19 e uno di questi è sintomatico. Questa la ragione alla base del momentaneo stop alla trasferta della Salernitana, attesa oggi a Udine dove domani è previsto il match contro l’Udinese valido per l’ultima giornata del girone di andata di Serie A. La prima comunicazione del club granata al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria è stata quella relativa alla positività di un calciatore, seguita in breve tempo dalla segnalazione di altri due tamponi antigenici positivi, relativi a due membri dello staff. Uno di questi risulta essere sintomatico.

L’azienda sanitaria ha comunicato al club la necessità di svolgere gli accertamenti del caso, sospendendo momentaneamente la trasferta e sottoponendo l’intero gruppo squadra a tamponi, il cui esito si dovrebbe conoscere già in serata. Sulla base di questi risultati Asl e Salernitana prenderanno le opportune decisioni in merito alla trasferta a Udine. Il club granata ha già comunicato di aver già predisposto la partenza della squadra per la giornata di domani con un volo privato in caso di tamponi negativi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *