Il 2021 è stato l’anno delle proteste no vax e no pass: oltre 4600 manifestazioni contro le restrizioni

venerdì 17 Dicembre 17:26 - di Redazione

Il 2021 è stato l’anno delle proteste: il Viminale certifica che oltre 4600 manifestazioni sono state indette contro il green pass e contro i provvedimenti restrittivi anti-pandemia facendo registrare tensioni di piazza che da tempo non si vedevano. Un disagio dilagante che la crisi sanitaria ha ingigantito e che ha attirato le frange più estreme tanto a destra che a sinistra.

Il dato emerge dalla riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza che il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha presieduto oggi al Viminale. E a cui hanno partecipato, oltre al sottosegretario di Stato Nicola Molteni, i vertici delle forze di polizia, il Capo di Stato maggiore della Difesa, il Comandante del Covi e i vertici degli organismi di informazione e sicurezza.

Nel corso della riunione è stata svolta un’analisi dello stato dell’ordine e della sicurezza pubblica nel Paese, anche in relazione all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Sono stati, tra l’altro, esaminati i dati sui controlli effettuati a seguito dell’entrata in vigore delle nuove misure di contenimento del virus. Per quanto attiene ai dati annuali, è emerso che dal 1° gennaio al 6 dicembre 2021 si sono svolte 15.827 manifestazioni di rilievo, di cui 4.674 hanno riguardato le politiche governative di contenimento della pandemia e la certificazione verde.

Durante l’anno, anche in relazione alle ingenti risorse pubbliche destinate a sostenere l’economia, è stata intensificata l’attività di prevenzione antimafia, con l’adozione al 30 novembre u.s. di 1.979 interdittive antimafia. Nel corso del Comitato, è stato disposto l’ulteriore rafforzamento dei dispositivi di vigilanza sull’intero territorio nazionale in vista delle prossime festività natalizie.

I prefetti sono stati invitati a convocare apposite riunioni dei Comitati provinciali per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, anche per predisporre specifici servizi di prevenzione in prossimità dei luoghi di culto delle diverse confessioni, degli aeroporti e dei porti, delle stazioni ferroviarie e delle reti viarie. E’ stato anche sollecitato il potenziamento dei dispositivi generali di prevenzione per il contrasto dei “reati di strada”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *