È fuga in massa dei collaboratori di Kamala Harris, il disastro della vice di Biden

giovedì 2 Dicembre 20:36 - di Redazione

Uno dopo l’altro lasciano in massa i collaboratori della vicepresidente Kamala Harris, l’ex-icona dem esibita un tempo quasi come un trofeo da Joe Biden perché figlia di immigrati ma divenuta ora una presenza ingombrante e imbarazzante.

È una specie di terremoto istituzionale quelll che, in queste ore, sta scuotendo fin dalle fondamenta l’ufficio di Kamala Harris, con l’intero staff della comunicazione della vice presidente in uscita a precipizio dalla Casa Bianca.

Aveva aperto le danze Symone Sanders, principale consigliere e portavoce di Kamala Harris. Che, finora, era stata la voce più accesa nel difendere la prima vice presidente donna e afroamericana, da mesi assediata da critiche feroci per gli scarsi risultati nei dossier che le erano stati affidati e per una serie di gaffes clamorose.

Poi i sondaggi, impietosi, che descrivono senza mezzi termini una popolarità in caduta libera e oramai ai minimi termini.

Sembrava che la faccenda fosse circoscritta lì. Ma dopo la notizia dell’uscita di Sanders, i media americani, citando sempre fonti interne all’amministrazione, hanno tirato fuori altre pesanti defezioni riportando che anche Peter Velz, direttore dei rapporti con la stampa, e Vince Evans, vice direttore dell’Ufficio per gli affari intergovernativi, si stanno preparando a lasciare l’incarico, dopo poco meno di un anno.

In precedenza era stato già annunciato che Ashley Etienne, a capo dell’Ufficio Comunicazione di Kamala Harris dopo aver ricoperto lo stesso incarico per Nancy Pelosi, avrebbe lasciato l’incarico questo mese.

Tutte queste precipitose e imbarazzanti uscite di scena sembrano quindi confermare le rivelazioni fatte nelle scorse settimane sulla situazione di disfunzionalità all’interno dello staff ed una crescente frustrazione per il ruolo affidato da Joe Biden alla sua vice Kamalaa Harris.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio rapanelli 3 Dicembre 2021

    ma anche qui con il governo Draghi, i mito salvatore dell’Italia, stiamo facendo una brutta figura

  • Banchero 3 Dicembre 2021

    Ottima notizia!

  • Ezio 3 Dicembre 2021

    Qanto succede è la prova che Biden &co sono andati al potere con la frode e che non si governa con l’odio di classe,razziale bianco e con politiche che seguono schemi gay o gender o anti storici..in sintesi con l’ignoranza ,malafede sicumera,fraudolenza in sintesi ideologia di sinistra…ad libitum…