L’ultima barzelletta dell’Oms: la nuova variante si chiama Omicron per non offendere la Cina

sabato 27 Novembre 18:53 - di Robert Perdicchi

La ‘variante sudafricana’ del Covid è stata ribattezzata Omicron per non offendere la Cina. Rispettando l’ordine dell’alfabeto greco, criterio scelto dall’Oms per non stigmatizzare nessun paese, la nuova variante avrebbe dovuto chiamarsi “Nu”. Ma si rischiavano confusioni con la parola inglese “new”. La lettera seguente era a questo punto la Xi, ma ricordava troppo il presidente cinese Xi Jinping. Il Telegraph ha citato una fonte dell’Oms, secondo la quale si è preferito passare ad Omicron “per non stigmatizzare un’intera regione”.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità Xi è infatti un cognome molto comune e le linee guida interne “impongono di non utilizzare nomi che possano danneggiare gruppi culturali, sociali, nazionali, regionali, professionali o etnici”.

Il salto di lettera: Omicron per non offendere la Cina con la Xi

Il salto di due lettere ha provocato qualche ironia sul Web. Il senatore americano Ted Cruz ne ha preso spunto per accusare ancora una volta l’Oms di sudditanza verso i cinesi. “Se l’Oms ha paura del partito comunista cinese, come possiamo fidarci che chiedano loro conto la prossima volta che cercheranno di nascondere una catastrofica pandemia globale?”, si è chiesto su Twitter, il senatore repubblicano.  Ecco l’elenco delle varianti finora indivduate e catalogate secondo l’alfabeto greco.

  • Alpha, variante inglese
  • Beta: sudafricana
  • Gamma: brasiliana)
  • Delta: indiana
  • Epsilon: individuta a marzo 2021 negli Usa, in circolazione da marzo 2020
  • Zeta: marzo 2021 in Brasile, in circolazione da aprile 2020
  • Eta: marzo 2021 in vari paesi, in circolazione da dicembre 2020
  • Theta: marzo 2021 nelle Filippine, in circolazione da gennaio 2021
  • Iota:  marzo 2021 negli Stati Uniti, in circolazione da novembre 2020
  • Kappa: aprile 2021 in India, in circolazione da ottobre 2020
  • Lambda: agosto 2020 Perù, circola in 29 paesi

 

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *