Caos M5S: si incrina l’asse col Pd sulla manovra. Zanda: sono maldestri, così andiamo a votare

venerdì 19 Novembre 9:56 - di Redazione
Zanda

“Sta nelle mani grilline rafforzare o indebolire l’alleanza giallo-rossa. Le ultime mosse sono state maldestre e rifiutare di votare Vasco Errani relatore alla manovra è un grave errore politico”. Lo afferma Luigi Zanda, ex capogruppo del Pd al Senato, in un’intervista a Repubblica. Nella quale lancia l’allarme, non solo per gli “errori” dei 5S, ma anche per quelli dei renziani, forzisti e leghisti che hanno mandato sotto il governo sul decreto Capienze, perché “in coalizione si sta per collaborare, non per farsi la guerra: “Di questo passo dopo il voto sul presidente della Repubblica si va di corsa alle urne”.

Zanda: dal M5S segnali negativi

Il fatto che i 5Stelle non votino con il Pd il relatore della manovra, per Zanda “è un segnale negativo per molte ragioni. La prima perché Errani è un senatore di Leu competente e scrupoloso. Poi perché in una maggioranza di coalizione, la rotazione degli incarichi parlamentari è necessaria. Infine perché i 5Stelle hanno già la posizione più importante per seguire la legge di Bilancio, ovvero la presidenza della commissione con Daniele Pesco. Rifiutare Errani è un grave errore politico. Sinora – spiega – lo spirito di coalizione ha funzionato. Ma nelle ultime settimane al Senato la coalizione che sorregge il governo Draghi in varie occasioni non ha dimostrato quella responsabilità e compattezza che sono indispensabili in una fase tanto difficile per il Paese”.

Il decreto Capienze e la maggioranza

“Sul delicatissimo decreto Capienze – prosegue Zanda – i tre partiti di maggioranza (Iv, Fi e Lega) hanno votato emendamenti su cui il governo aveva dato parere contrario. E’ evidente che se da ora a fine gennaio si dovessero ripetere fatti negativi come quelli accaduti nell’ultimo periodo al Senato, vorrebbe dire che dopo le elezioni del nuovo presidente della Repubblica, si romperebbe tutto e andremmo di corsa alle elezioni con conseguenze sull’economia e sulla nostra reputazione internazionale”.

“L’alleanza tra il Pd e i 5Stelle l’ho sempre ritenuta tattica e contingente – conclude Zanda – prendendo atto delle distinzioni tra i due partiti. Al tempo stesso l’augurio era che si potesse rafforzare. Ma sta anche nelle mani grilline determinare se il nostro rapporto è destinato a rafforzarsi o indebolirsi. Quando è nato il governo Draghi, nella maggioranza c’era un vero spirito positivo, la coscienza del momento drammatico dell’Italia e della conseguente necessità della compattezza massima. Sarebbe un delitto politico se pezzi della maggioranza non si riconoscessero più in quella fotografia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *