Addio a “nonna Peppina” simbolo dei terremotati. Meloni: «Non dimenticheremo mai il suo amore per la sua terra»

venerdì 19 Novembre 21:34 - di Mia Fenice
Nonna Peppina

È morta Giuseppa Fattori, conosciuta in tutta Italia col nome di “nonna Peppina“: l’anziana è diventata il simbolo dei terremotati. Avrebbe compiuto 99 anni il 26 novembre. «Ci ha lasciati Nonna Peppina, coraggiosa donna divenuta simbolo del terremoto che colpì il Centro Italia. Non dimenticheremo mai il suo amore e attaccamento verso la sua terra, verso la sua casa. Riposa in pace». È il ricordo su Facebook di Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia. A ricordarla sui social anche Matteo Salvini: «Una preghiera e un pensiero affettuoso per nonna Peppina, la sua forza, la sua determinazione e il suo sorriso, la sua famiglia, la sua comunità».

Il caso di nonna Peppina

La storia dell’anziana di San Martino in Fiastra aveva commosso e fatto indignare l’Italia intera. Nonna Peppina aveva rifiutato di lasciare una casetta di legno costruita vicino alla sua abitazione, ridotta in macerie a San Martino di Fiastra (Macerata) dal sisma del 2016. Una casetta dichiarata abusiva, ma poi “sanata” dalla legge “Salva Peppina”. Sul caso, nel tentativo di aiutare l’anziana, erano intervenuti anche Giorgia Meloni e la Fondazione An. Nel 2018 il tribunale di Macerata  nel 2018 il tribunale di Macerata aveva poi assolto sia lei che due dei suoi familiari dall’accusa di abuso edilizio.

Nominata commendatore da Mattarella

L’anziana, nominata Commendatore della Repubblica dal presidente Sergio Mattarella lo scorso febbraio, era riuscita a vedere l’inizio dei lavori per la ricostruzione della sua vera casa nel dicembre 2020. «Spero di poterci andare a vivere almeno per un giorno», aveva detto all’avvio dei lavori. Purtroppo non è stato così. «Era molto fragile», sono state le parole del sindaco del paesino che ha parlato con l’Ansa. I funerali si svolgeranno domani, 20 novembre, a Fiastre.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *