Sbarchi, quest’anno 50mila immigrati. Il doppio del 2020. Calderoli: vanno in villa da Richard Gere?

martedì 26 Ottobre 10:35 - di Redazione
sbarchi

Sbarchi, l’emergenza è una realtà che i numeri confermano. E il ministro Luciana Lamorgese dovrà farci i conti e far sapere al paese quali strategie intende mettere in atto. In tutto, dall’inizio dell’anno a ieri, ne sono arrivati il doppio rispetto al 2020: 52. 665 contro 26. 915.

Sbarchi, la rotta orientale è quella preferita. Gli arrivi dalla Turchia

“Ultimamente – annota La Stampa – la rotta preferita è quella orientale, prevalentemente dalla Turchia. Mentre da qui in passato provenivano piccole imbarcazioni, attualmente si assiste all’arrivo di pescherecci con oltre 300 persone a bordo. Ieri, a causa del maltempo, non si sono registrati sbarchi, ma nei due giorni precedenti tra Calabria e Sicilia sono giunte 1.097 persone, mentre altre 367 sono in attesa di farlo a bordo della GeoBarents di Medici Senza Frontiere”.

Sbarchi: situazione al collasso a Roccella Jonica

A Roccella Jonica, dove il sindaco si appella al governo perché non sa più dove mettere i migranti, nell’ultima settimana sono stati soccorsi e accompagnati sul molo del porto oltre 3.000 clandestini e la situazione nella nota località turistica reggina è al collasso. Qui l’altra notte sono arrivati in 70, nonostante le condizioni meteo avverse.

Calderoli: 50mila immigrati arrivati nel 2021, dove li mettiamo?

Il leghista Roberto Calderoli va all’attacco: “Tre settimane fa il direttore esecutivo dell’Agenzia europea Frontex, Fabrice Leggeri, in audizione dalla commissione Schengen, ha certificato 48mila arrivi di immigrati sulle coste italiane, o attraverso la rotta balcanica, nei primi nove mesi del 2021 e in questo mese di ottobre il trend non è diminuito, abbiamo centinaia di arrivi ogni giorno a Lampedusa. L’opinione pubblica rivolge la sua attenzione alla pandemia e alla crisi economica ad essa conseguente, la politica ha come priorità la salute dei cittadini e il rilancio economico”.

Tutto giusto – prosegue  Calderoli – ma poi ci sono questi 50 mila immigrati arrivati che resteranno in Italia e a breve saranno un problema sociale. “Dove li metteremo? Come li manterremo? – si chiede Calderoli – Come possono sperare di inserirsi a livello lavorativo se abbiamo una disoccupazione generale al 10%? Facile fare i Richard Gere che fanno passerella sulle navi delle Ong, ma poi i Gere tornano a Hollywood e questi 50mila immigrati restano qui in Italia, a spese degli italiani, mica nella sua villa a Hollywood».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *