Roma, è caos tessere elettorali: all’anagrafe di via Petroselli file infinite, urla e svenimenti (video)

sabato 2 Ottobre 18:21 - di Giovanni Pasero
via Petroselli, Raggi

L’anagrafe di Roma, in via Petroselli ex via del Teatro Marcello, è il miglior biglietto da visita dell’amministrazione Raggi.
Chi sta facendo la fila in queste ore per ritirare la tessera elettorale documenta file interminabili, disagi che certificano il fallimento della giunta M5s. A cominciare dal suo ufficio principale.
Basta andare sui Social per trovare decine di denunce, di reclami, di foto di file interminabili.

Il giornalista del Tempo Fernando Magliaro documenta su Twitter la sua esperienza kafkiana. «Hanno distrutto pure i servizi elettorali. Convocato a via Petroselli alle 16 per surrogare un presidente di seggio. Un centinaio di persone come me in attesa. Un solo povero impiegato per tutti».

“In questa città impossibile esercitare il diritto di voto”


Gianluca Nappi del Sole 24 Ore, riporta la stessa condizione, con toni altrettanto amareggiati. «All’anagrafe centrale di via Petroselli a Roma centinaia di persone ammassate, in coda, allo sbaraglio per la mancanza di organizzazione degli uffici. Molti decidono di andar via. In questa città non si riesce nemmeno ad esercitare il diritto di voto».

Elettori inferociti, che si sentono presi in giro. Eccone alcuni. «La situazione per il ritiro delle tessere elettorali alla sede di via Petroselli è folle! In coda dal primo pomeriggio, rimbalzati da un ufficio all’altro, nessuna prospettiva certa. È assurdo sottoporre i cittadini a questo strazio per esercitare un diritto costituzionale. Vergogna!». Scrive su Facebook Nicoletta P.

C’è chi si fa addirittura il selfie dopo il ritiro della tessera, come a documentare un’impresa memorabile. “Dopo tre ore di fila ce l’ho fatta”, scrive un utente su Facebook, con tanto di risultato: Anagrafe 0, Angelo 1.

 

A via Petroselli qualche romano si chiede: “Nun ce vonno fà votà”


Laura F. si sfoga ancora più amaramente. «Non voglio scrivere qui nel dettaglio il “travaglio” che hanno dovuto percorrere mio figlio e mia nuora, che hanno cambiato residenza nello stesso Municipio quattro mesi fa, per esercitare il loro diritto / dovere di votare. Sballottati dall’ufficio elettorale di loro competenza per poi essere costretti a recarsi in Via Petroselli, molto lontano dal loro Municipio. Ti fanno passare la voglia di andare a votare. Sono imbufalita». Appunto, il dubbio che sorge è appunto quello. Qualche spin doctor della Raggi ha consigliato alla sindaca di puntare sull’effetto astensione? Un sospetto raccapricciante, ma che lascerebbe intendere una abilità machiavellica che la Raggi ignora. In realtà è molto più banalmente la conferma della incapacità assoluta della Raggi e della sua giunta a 5 Stelle.  



Gli orari di apertura per gli elettori romani


Per gli elettori romani, questo il promemoria:
In caso di smarrimento o se sono esauriti gli spazi, si potrà richiedere la tessera presso gli sportelli degli uffici elettorali dei Municipi o di Via Petroselli 50 che rimarranno aperti nei seguenti orari:
Sabato 2 ottobre 2021 dalle ore 09,00 fino alle ore 18,00.
Domenica 3 ottobre 2021 dalle ore 7,00 alle ore 23,00.
Lunedì 4 ottobre 2021 dalle ore 7,00 alle ore 15,00.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *