Roma brucia ancora: a fuoco un deposito Atac, esplosioni e venti autobus distrutti (video)

martedì 5 Ottobre 7:57 - di Lucio Meo

Esplosioni, fiamme alte, sirene a tutto spiano. Dopo il rogo del Ponte dell’Industria, stanotte è stata la volta dell’incendio sulla Prenestina, in un deposito dell’Atac. Sono in corso le indagini dei Carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Roma Montesacro ma al momento tutte le ipoteso sono aperte. I militari sono intervenuti dopo una segnalazione giunta al 112, in ausilio ai vigili del fuoco. Le fiamme hanno distrutto circa 20 autobus e le cause sono in corso di accertamento. I rilievi sono a cura del Nucleo Investigativo di via In Selci.

Le fiamme nel deposito Atac della Prenestina

Le fiamme sono scoppiate intorno alle 4 del mattino con i vigili del fuoco arrivati sul posto con sei squadre. Sul luogo, ormai illuminato dalla luce del maxi incendio, anche la polizia di Stato e i carabinieri di Tor Sapienza e della Compagnia di Roma Montesacro che indagano.

Stando ad una prima ricostruzione della dinamica dei fatti, le fiamme sarebbero partite da un autobus guasto. Una ipotesi che ricorda quanto già accaduto in una rimessa Atac, quella volta a Grottarossa, lo scorso 20 agosto. A condurre i rilivi, dopo lo spegnimento dell’incendio, i carabinieri del Nucleo Investigativo di via In Selci, il compito di indagare invece ai militari del Nucleo operativo della Compagnia di Roma Montesacro. “Il rogo ha coinvolto una ventina di vetture di vecchia generazione, con livelli diversi di danneggiamento, ma non ha provocato problemi alle persone. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. Atac ha subito attivato le indagini interne per chiarire le ragioni dell’accaduto”, la nota dell’azienda.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *