Quirinale, Salvini: «A me basta che non ci vada Prodi». E su Berlusconi «Ha smentito, mi fido»

venerdì 1 Ottobre 10:30 - di Emanuele Valci
Salvini

Le presunte parole di Berlusconi sul leader della Lega e sulla Meloni? «Berlusconi le ha smentite e io mi fido di lui». Lo afferma Matteo Salvini, ai microfoni di “Radio Capital”. «La mia priorità è il lavoro, cercare di evitare l’aumento dell’Imu. Lascio le ricostruzioni e i litigi tra giornalisti e politici a certa carta stampata». . Giorgetti loda Calenda? «Ha smentito lui, ha smentito Berlusconi. Evidentemente quelli che parlano con “La Stampa” sono sfortunati», ironizza l’ex ministro dell’Interno. Gianni Letta Quirinale? «Non faccio il toto-Quirinale perché di mezzo c’è una manovra economica con cui vogliamo tagliare un po’ di tasse. Ne riparleremo a febbraio. A me basta che non ci vada Prodi».

Salvini: «Attaccano Morisi per attaccare me»

«Morisi? Non lo sento da giorni, spero sia tranquillo e si occupi di altro. È una vicenda veramente meschina. Attaccano lui per attaccare me. C’è un’inchiesta senza prove e senza processo, che però è stato già svolto da una settimana sui giornali. Non è proprio di un Paese normale», incalza Salvini. «Se finisse con un nessun reato e nessun processo, chi restituirà dignità a questa persona? Si sta parlando di processi e di spaccio. Gli spacciatori sono tra i peggiori criminali, venditori di morte. Se uno fa uso di droga, invece, va aiutato e curato. Cucchi? La vicenda giudiziaria ha detto cosa faceva quel povero ragazzo che purtroppo è morto. La vita privata dei miei candidati non la conosco. E non mi interessa. Non faccio battaglie politiche su questo. Non ho letto le tesi dei ragazzi che accusano Morisi. Ma la vicenda mi sembra molto sospetta».

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi