Il pg della Cassazione, Salvi (fratello del senatore Pd) lancia l’allarme fascismo

giovedì 21 Ottobre 13:10 - di Roberto Frulli
Cassazione

È Giovanni Salvi, procuratore generale della Cassazione e fratello del noto senatore Pd Cesare Salvi a lanciare l’allarme fascismo nel corso della giornata di studio ‘Trent’anni di promozione dei valori della Costituzione‘, organizzata in occasione dei 30 anni dalla fondazione del Ros, il Raggruppamento operativo speciale dell’Arma.

Rispondendo a una domanda sulla destra, Salvi mette in guardia e avverte rispetto al discorso della destra radicale pur ammettendo che ”non si possono applicare paradigmi del passato”: ”C’è un cambiamento importante – dice Giovanni Salvi. – Si sta producendo una trasformazione della destra radicale che richiama immagini del fascismo utili a compattare i militanti e porta di più alla valorizzazione del rapporto individuale rispetto allo Stato, tipico della realtà Americana”.

“Si tratta – sostiene Salvi – di un fenomeno diverso del richiamo al fascismo rivoluzionario e sociale come quello che fu di realtà come i Nar. Questo comporta delle conseguenze investigative: non si possono applicare paradigmi del passato”.

“Ad esempio i legami con il web, prima inimmaginabili, e non è solo un fatto di epoca ma strutturalmente legato a questa forma di individualismo”.

”Il discorso di odio è quello che li identifica adesso. Quindi attenzione alle parole e al linguaggio per non ripetere quello che fu fatto negli anni ’70”.

“Perché – dice Salvi – le parole sono pietre che costruiscono un ambiente ideologico di riferimento, non sappiamo dove possono portare come azione terroristica individuale”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *